in

Juventus, Ziliani attacca: “Squalifica Morata? Injury card Juve”

Paolo Ziliani non ci sta e su Twitter si scaglia contro la decisione di ridurre la squalifica ad Alvaro Morata

Mercato Juve, in scadenza nel 2022: le possibili occasioni bianconere
Fabio Paratici (Juventus) @imagephotoagency

E’ di ieri la notizia secondo la quale è stato accolto il ricorso della Juventus riguardante la squalifica di due giornate di Alvaro Morata, che domani contro il Genoa potrà tornare a disposizione. Lo spagnolo era stato espulso nel concitato finale della sfida di Benevento, per essersi rivolto al direttore di gara utilizzando termini poco edificanti, ed il giudice sportivo Mastrandrea gli aveva comminato una squalifica che gli avrebbe fatto saltare il derby ed, appunto, il match del Marassi di domani.

[irp posts=”113551″ name=”Calciomercato Juventus, Paratici cerca il vice Morata: tre ipotesi per gennaio”]

Tuttavia, Andrea Pirlo può sorridere, in quanto potrà contare nuovamente sul suo bomber.

[irp posts=”113448″ name=”Calciomercato, proposta shock del Liverpool: la risposta della Juventus”]

Portanova e Morata, giocatori della Juventus
Portanova e Morata, giocatori della Juventus

Juventus, la provocazione di Ziliani: “Injury Card Juve completata”

Come era prevedibile, la riduzione della squalifica di Alvaro Morata ha contribuito a scatenare le polemiche sui social. In particolar modo, il giornalista Paolo Ziliani si è scagliato contro la decisione comunicata nel pomeriggio di ieri, ed ha ironizzato sullo sconto giunto dopo il ricorso sporto dalla Juventus.

[irp posts=”113421″ name=”Calciomercato Juventus, dubbi sul riscatto: il giocatore potrebbe tornare a Torino”]

Di seguito il suo messaggio pubblicato su Twitter: “Ultim’ora, Morata: lo sconto di una giornata di squalifica per insulti all’arbitro è arrivato grazie alla Ingiury Card Juve appena completata con gli insulti all’arbitro di Paratici e Nedved”. L’allusione è chiaramente rivolta all’inibizione con diffida comminata ai due dirigenti bianconeri, in seguito a delle espressioni irriguardose nei confronti dell’arbitro Orsato nei minuti finali del derby di settimana scorsa.