in

Serie A, Juventus: testa al Crotone, vietato sbagliare

Serie A, dopo la disfatta europea la Juventus deve rituffarsi immediatamente nel campionato, lunedi sfida al Crotone di Stroppa

Juventus, Pistocchi: "Pirlo ha bisogno di tempo"
Pirlo, allenatore della Juventus

Ieri sera la Juventus ha fallito la prova Porto, i bianconeri hanno perso 2-1 in casa dei portoghesi e hanno così complicato la qualificazione ai quarti di finale. Il 2-1 finale di Chiesa salva i bianconeri da un finale ancora peggiore, la Juve infatti fino a quel momento aveva faticato a tirare in porta. Completamente errato ieri l’approccio della squadra in entrambe le frazioni di gioco, ne è testimone il fatto che la rete dell’1-0, propiziata dall’errore di Bentancur è arrivata dopo 61 secondi del primo tempo e quella del 2-0 nella ripresa dopo solo 19 secondi dall’inizio della seconda frazione. Pessima poi la reazione della squadra, che prima dei 20 minuti finali non aveva mai impensierito seriamente Marchesin. Assente ingiustificato Ronaldo, che si vede solo nel finale quando l’arbitro gli nega il rigore. Da apprezzare la prova di Chiesa, in gol nel finale e come spesso quest’anno uno dei pochi a crederci fino alla fine e a non mollare mai.

Porto Juventus, Federico Chiesa
Porto Juventus, Federico Chiesa

Serie A, problema gol: solo 3 nelle ultime 4 gare stagionali per la Juventus

La Juventus sta vivendo un periodo negativo sotto il profilo del gol, i bianconeri, infatti hanno segnato solo 3 reti nelle ultime 4 partite contro Roma, Inter, Napoli e Porto. Il periodo di appannamento di Ronaldo, sta influendo in modo decisivo sulle fase offensiva della Juventus che nell’ultimo periodo è poco precisa. La scarsa condizione di Morata, l’assenza di Dybala e la poca vena offensiva di Kulusevski poi fanno il resto. Nell’ultimo periodo poi sta mancando il gioco alla formazione bianconera che anche ieri a Oporto ha dovuto fare a meno dei due registi del gioco di Pirlo, Bonucci e Arthur oltre che di Cuadrado e di Dybala. Fondamentale sarà ritrovare la produzione offensiva sin dalle prossime gare, perché se la Juventus continuerà così sarà difficile rilanciarsi in campionato e centrare gli obiettivi stagionali.

Serie A, doppia sconfitta di fila per la Juventus: con il Crotone per reagire e per vendicare il pari dell’andata

La Juventus non vince una partita da 4 gare, nelle ultime 3 infatti ha pareggiato contro l’Inter per poi perdere 1-0 a Napoli e 2-1 a Oporto. L’ultima vittoria per i bianconeri è il 2-0 casalingo contro la Roma. Anche nella gara contro i giallorossi, però, la Juventus aveva faticato molto, vincendo grazie ad un’invenzione di Ronaldo e ad un’autorete di Ibanez. Lunedì contro il Crotone i bianconeri hanno l’obbligo di vincere, per provare ad accorciare in vetta, visto che domenica si giocherà il derby di Milano. Per i bianconeri sarà fondamentale segnare più di una rete per ritrovare il feeling con il gol che è venuto recentemente a mancare. L’avversario, il Crotone non è una squadra difensivista, e questo potrebbe aiutare i bianconeri che ultimamente stanno faticando molto contro le difese chiuse vista la contemporanea assenza di Bonucci e Arthur, che mancheranno anche contro il Crotone. Vincere è poi fondamentale anche per riscattare il beffardo 1-1 della gara d’andata, partita che mise in mostra i primi problemi della Juventus di Pirlo, soprattutto in assenza di Ronaldo.

Serie A, Pirlo perde anche Chiellini scelte obbligate in difesa: tocca a De Ligt e Demiral

Spezia-Juventus, una gioia per Pirlo: Chiellini pronto a tornare in campo
Pirlo, allenatore della Juventus

Non solo la sconfitta per 2-1, la Juventus ha perso anche Chiellini, che ha dovuto lasciare anzitempo il campo ieri contro il Porto, lasciando spazio a Demiral. Le scelte per Pirlo sono quindi obbligate, con Danilo, De Ligt, Demiral e Alex Sandro che comporranno il quartetto difensivo nel match di lunedi. In porta ci dovrebbe essere Szczesny, a centrocampo con Arthur infortunato e Rabiot squalificato tocca a McKennie e Bentancur che saranno assistiti ai loro lati da Chiesa e Bernardeschi, avanti su Ramsey. In attacco difficile la presenza dall’inizio di Dybala, ancora indietro e di Morata che ieri ha avuto uno svenimento a fine gara, toccherà quindi ancora a Ronaldo e Kulusevski.

Serie A, verso il Crotone: vietato sbagliare l’approccio

Uno degli errori principali commessi dalla Juventus in questa stagione è stato quello di sbagliare spesso l’approccio alla gara, regalando così spesso l’intera prima frazione, o parte di essa agli avversari. Anche ieri i bianconeri sono entrati male in partita, regalando subito al Porto la rete del vantaggio e non reagendo fino alla rovesciata di Rabiot, parata in angolo, ma vanificata da un fuorigioco inesatto fischiato a Ronaldo. Nella ripresa la Juve poi ha nuovamente iniziato male la gara, subendo subito il gol del 2-0 in una situazione di vantaggio numerico di 7 contro 2. I bianconeri non hanno quasi reagito, trovando solo con Chiesa nel finale la rete della speranza. Fondamentale sarà quindi approcciare nel modo giusto il match contro il Crotone, che si perde consecutivamente da 4 gare, ma proprio per questo vorrà reagire e tornare a fare punti. L’ultima vittoria dei calabresi infatti, è il 4-1 rifilato al Benevento il 17 gennaio, prima delle 4 sconfitte contro Fiorentina, Genoa, Milan e Sassuolo.

Serie A, Pirlo deve recuperare Ronaldo: da lui deve ripartire la Juventus

Cristiano Ronaldo, attaccante della Juventus
Cristiano Ronaldo, attaccante della Juventus, si dispera dopo il rigore parato da Gollini

Cristiano Ronaldo non segna da 3 partite e se con l’Inter in Coppa Italia si era costruito un paio di occasioni da gol, a Napoli e ieri sera è stato spesso fuori dal gioco. CR7 appare spesso poco coinvolto dalla squadra e questo lo porta ad isolarsi sulla fascia per cercare il pallone, risultando così poco pericoloso e determinante per una squadra che ultimamente è carente di idee. Pirlo quindi ha bisogno di riportare Ronaldo al centro delle occasioni della Juventus, perché coinvolgendo di più il portoghese nella manovra offensiva bianconera, soprattutto in area di rigore, le possibilità di segnare aumenteranno in modo netto. Ronaldo è infatti una macchina da gol, ma se sfruttata male, questa macchina si può incespicare e diventare così un problema. Ronaldo è un calciatore anarchico che spesso e volentieri cerca la porta, se lo si prova ad inserire in un meccanismo lo si limita e così alla lunga lo si annulla. Pirlo dovrà essere bravo a liberarlo dai compiti in costruzione, per permettergli di essere elemento centrale della fase conclusiva dell’azione d’attacco della Juventus, fase nella quale CR7 è il numero uno al mondo.

Serie A, Lunedì il Crotone: i tre punti pesano come un macigno

Nella sua storia, difficilmente la Juventus ha sbagliato due gare di fila, adesso però deve stare attenta a non sbagliare la terza. Lunedì all’Allianz Stadium contro il Crotone i bianconeri devono tornare a fare i tre punti, ma soprattutto a convincere i tifosi con una prestazione degna della Juventus. Nella gara d’andata la Juve, priva di Ronaldo, pareggiò 1-1 a Crotone. I rossoblù passarono avanti con la rete di Simy e vennero poi raggiunti pochi minuti dopo dal gol di Morata su assist di Chiesa. Lo stesso Chiesa, all’esordio in bianconero, venne però espulso per un entrata in ritardo su Cigarini al 60′. Nel finale Morata si vide annullare una rete per davvero pochi centimetri. Il pari dell’andata è stata la prima di diverse gare nelle quali la Juventus senza Ronaldo ha faticato a vincere, trovando così il pari. La stessa cosa è infatti successa con Benevento e Verona. Lunedì Ronaldo ci sarà, ma quella che dovrà essere diversa dalle ultime gare è la Juventus, alla ricerca di 3 punti fondamentali per provare ad accorciare in vetta, dove Inter e Milan si scontreranno nel Derby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *