in

Scudetto, il percorso della Juve dipende anche dal derby di Milano

Cristiano Ronaldo e Pirlo, attaccante ed allenatore della Juventus
Cristiano Ronaldo e Pirlo, attaccante ed allenatore della Juventus

La questione scudetto è molto più ingarbugliata di quello che si potrebbe pensare, visto che non bisogna mai dare la Vecchia Signora per morta. Ci sono ancora così tante partite che c’è tutto il tempo per poter recuperare, a patto però che anche davanti sbaglino qualche risultato.

Alex Sandro (Juventus)
Alex Sandro (Juventus)

Gli appassionati di scommesse serie A sono convinti, però, che le vere e proprie favorite per vincere lo scudetto siano rappresentate dalle due milanesi, che si stanno per sfidare in un derby che da tempo non aveva un significato così decisivo.

Sul blog sportivo L’insider, si va ad analizzare con un giornalista molto vicino alle vicende rossonere come Mauro Suma quali sono gli aspetti che rendono tanto speciale questo derby. Quello che viene chiamato derby della Madonnina è un vero e proprio sinonimo di derby all’italiana in tutto il mondo, e tra milanisti e interisti c’è la capacità di regalarsi battute al vetriolo, ma anche di andare allo stadio insieme.

Mauro Suma, giornalista sportivo

Durante l’intervista si tocca anche un tema che rappresenta un nervo scoperto per tutti i tifosi juventini, ovvero le Champions League che sono state messe in bacheca. In realtà, però, Suma non fa il paragone con i bianconeri, quanto ovviamente con l’Inter. Sette contro tre. E il Triplete tanto esaltato dalla compagine nerazzurra vinto sotto la guida di Mourinho? Suma ha risposto per le rime, sottolineando come il concetto di Triplete sia sbagliato di fondo, visto che anche i rossoneri hanno realizzato le loro triplette. Nel 1989-1990 il Milan ha vinto la SuperCoppa Europea, la Coppa Intercontinentale e la Coppa dei Campioni, mentre nel 1993/1994 ha portato a casa la SuperCoppa Italiana, lo scudetto e la Champions League.

Chi avrà la meglio nel derby? Secondo Suma l’Inter ha dalla sua una notevole forza fisica e l’altezza, ma ha anche nel suo dna diversi sbalzi umorali. Il pregio del Milan è il gruppo, c’è grande forza d’animo e di spirito, oltre che un sistema di gioco molto organizzato, che ha un senso, un capo e una coda. il difetto? Un pizzico di sfortuna, tra qualche infortunio e dei pali, ma Suma ha comunque evidenziato come, in qualche frangente manca ancora un po’ di forza fisica, anche se con il mercato di gennaio la dirigenza ha comunque provato a colmare questa lacuna.

La Juve è tagliata davvero fuori dalla lotta scudetto?

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus

Eppure, anche Mauro Suma ha sottolineato con un po’ di scaramanzia nemmeno troppo velata, come la favorita per vincere il tricolore sia sempre e comunque la Juventus. Cosa ne pensano gli addetti ai lavori? A maggior ragione dopo la sconfitta che è stata subita a Oporto, pare proprio che questo non possa essere l’anno giusto per centrare il decimo tricolore di fila.

Anzi, a dire la verità, i bianconeri potrebbero trovarsi di fronte a uno scenario del tutto inedito, quantomeno nello scorso decennio, ovvero quello di non raggiungere nemmeno la qualificazione alla prossima Champions League.

L’andamento della Juventus in campionato, in effetti, è sempre proseguito tra il terzo, il quarto e il quinto posto, praticamente staccata rispetto alle due milanesi che guidano la classifica, ma in piena lotta nel gruppone formato da Roma, Napoli, Lazio e Atalanta.

Purtroppo per i bianconeri, l’andamento sembra essere piuttosto lineare: dopo un risultato fortemente negativo, arriva una serie di risultati positivi ed è un percorso che si ripete praticamente in loop dalla fine del mese di novembre. Resta da capire se la squadra possa riuscire ad adeguarsi a lottare per un obiettivo meno prestigioso, perlomeno in questa annata, oppure se, con le unghie e coni denti, saprà riacciuffare Inter e Milan, giocandosi fino alla fine il tricolore.