in

Sampdoria-Juventus 1-2 finale: Ronaldo prende l’ascensore e porta Sarri in Paradiso

Juventus esultanza
Juventus esultanza

Sampdoria-Juventus 1-2: nel primo tempo è dominio bianconero

Serviva una vittoria per arrivare nel migliore dei modi alla sfida di Supercoppa Italiana contro la Lazio, e la Juventus l’ha ottenuta battendo 2-1 la Sampdoria, nella difficile trasferta di Marassi. Punteggio striminzito per quello che si è visto in campo. I bianconeri, soprattutto nel primo tempo, hanno dominato i blucerchiati, mentre nella seconda frazione di gioco si sono limitati a gestire il vantaggio.

Nei primi 45 minuti la Vecchia Signora domina in lungo e largo la squadra di casa. Il primo squillo però è della Sampdoria, che va vicina al gol con un colpo di testa di Ramirez. Al 19′ la Juventus passa: cross preciso dalla trequarti di Alex Sandro che arma il sinistro di Dybala, la cui conclusione chirurgica non lascia scampo ad Audero. I bianconeri avrebbero anche l’occasione di raddoppiare, ma Higuain manda alto da buona posizione.

Al 35′ erroraccio di Alex Sandro: il brasiliano si fa scippare il pallone al limite dell’area e sul prosieguo dell’azione Caprari fa 1-1. Gli uomini di Sarri, a questo punto, alzano il ritmo e nel finale di tempo trovano la rete con un clamoroso colpo di testa di Ronaldo.

LEGGI ANCHE:  Lazio-Inter 3-1, nerazzurri cadono all'Olimpico: occasione per la Juve di avvicinarsi alle prime posizioni

Ronaldo è tornato: la HDR è ormai un marchio di fabbrica

Sampdoria-Juventus
Sampdoria-Juventus: decide Ronaldo

Nel secondo tempo i padroni di casa sfiorano il gol con Thorsby, ma l’occasione del centrocampista norvegese rimane l’unica occasione nitida della Sampdoria. La Juventus allora preferisce gestire la gara, per cercare di rischiare il meno possibile. La squadra di Sarri va vicino al terzo gol con Matuidi, ma il colpo di testa del francese non inquadra la porta. Nel finale Ronaldo realizza la sua doppietta personale, ma la gioia del fuoriclasse portoghese viene stroncata dal Var che ravvisa un fuorigioco millimetrico. Nonostante il maxi recupero, la Doria non riesce ad impattare il match, anzi rimane in 10 per l’espulsione di Caprari. Sarri sbanca anche Genova ed ora prenota il primo trofeo stagionale: Lazio avvisata.

LEGGI ANCHE:  Lazio-Inter 3-1, nerazzurri cadono all'Olimpico: occasione per la Juve di avvicinarsi alle prime posizioni