in

Juventus-Sampdoria, la conferenza stampa LIVE di Allegri

La conferenza stampa di Allegri con aggiornamenti in tempo reale

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus

Termina la conferenza stampa di Allegri. Tante le questioni sollevate e le indicazioni sulla formazione che scenderà in campo. L’appuntamento è per le 12.30 di domani per Juventus-Sampdoria e sul nostro sito potrete seguire come sempre la cronaca testuale in tempo reale.

Qualche parola su Bonucci?

“Bonucci è un giocatore importante e non lo tengo fuori solo perché non ha la fascia. Ha giocato tanto con la Juve e se sta bene gioca. Ho quattro difensori molto bravi, comunque, e ne sono felice”.

Qualche indicazione sulla formazione di domani?

“Non giocherà Rugani, mentre ci sarà Perin. Bonucci giocherà e gli altri vedremo. Col Chelsea ve ne darò tre e a Natale spero l’abbiate capita per conto vostro”.

Com’è stato tornare ad allenare la Juventus e cosa pensa delle critiche?

“Mi mancava un sacco allenare, perché mi diverte. Il lavoro deve basarsi sul migliorare i giocatori, cercare di giocare al meglio e ottenere risultati. Sinceramente preferisco le critiche, ma comunque risultare vincente. Non voglio essere compatito, perché la compassione è per chi non vince, anche se in realtà sono i ragazzi a portare le vittorie. Io leggo tutte le critiche e ragiono sopra a quelle costruttive, mentre altre mi spingono a capire che devo fare l’opposto. Ho scelto di tornare perché sono legato alla Juventus, voglio vincere la Serie A e far migliorare questa squadra perché i ragazzi sono bravi. Mi piace ricevere critiche, perché la prendo come una sfida cercare di avvicinarmi a Inter, Napoli e Milan”.

Come li vede Ramsey e Kulusevski?

“Ramsey è rientrato ora per l’infortunio. Kulusevski lo vedo un po’ nella stessa posizione di Dybala”

Cosa serve alla Juve per migliorare?

“Servono risultati. Se si vince ci si allena in modo più spensierato e aumentano autostima e fiducia. Questa settimana sarà importante. Innanzitutto dovremo vincere con la Sampdoria, che ha un allenatore bravo e che dona solidità. Inoltre ha dei buonissimi giocatori davanti, che non sono facili da affrontare. Dopo dovremo piano piano scalare la classifica e le cose miglioreranno. Dobbiamo vedere il positivo della vittoria con lo Spezia, ossia che abbiamo ribaltato la partita e siamo stati in 11 in area loro. La legge del calcio la sapete anche voi: se non arriva il risultato sperato, anche una bella prestazione diventa brutta”.

Com’è la condizione fisica dei giocatori?

“Non ci sono guai fisici. Contro il Milan abbiamo fatto tanti regali gratuiti nei primi 10 minuti del secondo tempo. In alcuni momenti bisogna poi difendere, perché non si può pensare di attaccare e poi prendere gol sul primo angolo”.

Come sta Chiellini e cosa ne pensa delle partite di seguito in campionato in cui la Juve ha subito gol?

“Chiellini sta bene. Prima o poi non li prenderemo, è la legge dei grandi numeri. Bisogna considerare anche che se uno tira e la palla finisce nel sette è bravura dell’avversario. Siamo comunque migliorati in difesa e subiremo meno reti”.

Sulla mancanza di Cuadrado e Locatelli nell’11 iniziale di mercoledì:

“Giochiamo ogni 3 giorni. Anche se Locatelli sta giocando bene, viene dal Sassuolo e gli obiettivi sono diversi come lo sforzo mentale e fisico necessari. Doveva recuperare. Cuadrado invece viene da tante partite di seguito. Anche Rodrigo ha giocato molto e per questo motivo ho voluto toglierlo”.

Kean partirà dal primo minuto?

“Ci sono lui e Morata e deciderò domani mattina. In ogni caso uno partirà da subito e uno entrerà a partita in corso”.

Qual è il modulo della Juve?

“Potrei dire un 4-2-3-1, ma comunque cambia a seconda del momento. A La Spezia, ad esempio, tre erano dietro col pallone e con Danilo e la difesa era sempre a quattro. Dobbiamo gestire meglio e io cerco di inserire tutti nelle loro condizioni ideali”.

Domani gioca Perin?

“Sì, in questo modo Szczesny può recuperare. Già volevo metterlo con lo Spezia, perché è pronto e sta bene”.

Bernardeschi è entrato bene con lo Spezia. Può partire dal primo minuto domani?

“Chi è entrato mercoledì ha fatto benino e sono contento, anche se dovrebbe essere la normalità. Non do quindi premi. Se fare giocare o meno Bernardeschi fin da subito lo devo ancora valutare, ma comunque sta facendo bene”.

Un commento sulla partita di mercoledì:

“Abbiamo fatto una buona partita, nonostante lo stadio in cui abbiamo giocato sia sempre ostico. Il primo tempo è stato buono poi, nel gol preso a campo aperto siamo stati sfortunati. Abbiamo il merito di averla portata a casa pur soffrendo”.

Sulla lotta scudetto:

“Sinceramente la partita col Milan poteva darci una mazzata definitiva, ma siamo ancora vivi. Le favorite sono Inter, Milan e Napoli, come dice Sacchi. Noi siamo in ritardo di condizione e classifica ed è giusto che siano considerate loro. Noi vedremo come saremo messi a novembre per la sosta. Per ora conta che abbiamo vinto lo scontro salvezza e piano piano dobbiamo avvicinarci alla zona Europa League per poi provare a fare meglio”.

Chiesa invece come sta?

“Come tutti gli altri sta bene. Potrà giocare o a destra o a sinistra, oppure cambiare durante la partita”.

Rabiot e Dybala giocheranno?

Rabiot no, perché ha subito un colpo alla caviglia e non essendosi allenato non lo convocherò. Dybala non so ancora”.

Come sarà il match di domani?

“Dovremo sia giocare bene che vincere per poter salire un po’ in classifica. In questo modo, tra l’altro, vinceremmo la prima partita in casa. Solo al termine del match penseremo al Chelsea. Per permettere a giocatori che hanno fatto tante partite di seguito di rifiatare, dovrò fare dei cambi”.

Inizia la conferenza!

Alle 14.30 inizierà la conferenza stampa di Allegri alla vigilia del match Juventus-Sampdoria, valido per la sesta giornata di Serie A e previsto per domani alle 12.30. Qui potrete seguire con aggiornamenti in diretta le parole del tecnico bianconero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *