Connect with us

Serie A

Juventus, con il Crotone vietato sbagliare: il derby regala una chance

Pubblicato

il

Juventus, Dario Canovi: "Dybala inguardabile. Su Ronaldo..."

La Juventus riprende oggi gli allenamenti in vista della gara interna di lunedì contro i calabresi di Stroppa. Ieri i bianconeri hanno usufruito di una giornata di riposo a causa dei troppi impegni ravvicinati nelle ultime settimane.  La squadra di Pirlo deve dimenticare in fretta la serata del Do Dragao per immergersi nuovamente in clima campionato dove la situazione continua ad essere critica ma non del tutto compromessa nonostante i tanti punti buttati.

Juventus pronta al tour de force: 10 partite in un mese
Andrea Pirlo, Igor Tudor e Roberto Baronio, staff tecnico della Juventus

Le problematiche di Pirlo non sono cambiate

Dalla partita di andata che finì 1-1 a quella che si giocherà lunedì non è cambiato tantissimo. La Juventus continua ad avere le stesse problematiche nonostante i mesi trascorsi, il Crotone invece è relegato all’ultimo posto in classifica e cercherà di fare punti a Torino per salvare la panchina del suo allenatore. Gli ultimi giorni sono stati fatti accertamenti medici a quasi tutti i reduci della trasferta in Portogallo. In casa bianconera intanto si fa i punto sugli infortunati: il tecnico bresciano spera di riabbracciare al più presto Arthur che ha messo nel mirino la partita contro lo Spezia come prima data utile del suo rientro. Senza Arthur, la Juventus ha difficoltà nel mezzo e nella costruzione del gioco, come la trasferta di Champions League in Portogallo ha messo ben in evidenza.

Juventus, Franchi si scaglia contro la società: "Mercato ridicolo. Su Arthur..."
Arthur, centrocampista della Juventus

Il metronomo Arthur detta tempi e dà equilibrio, capace di portar palla nella manovra iniziale e di gestirla al meglio, compito che per Bentancur sembra essere molto più complicato. L’uruguaiano continua a mostrare evidenti limiti tecnici nel ricoprire un ruolo così delicato come quello del Playmaker davanti alla difesa. L’errore di Bentancur è solo l’ultimo in ordine cronologico: in tutte le gare della stagione ha perso palloni sanguinosissimi davanti alla propria area di rigore ma ha avuto la fortuna dalla sua parte. Mercoledì sera la dea bendata si è girata dall’altra parte e la frittata è stata servita: retropassaggio errato al portiere e 1 a 0 per il Porto. L’infortunio del brasiliano ha privato il tecnico bianconero di uno dei suoi uomini migliori lasciando l’uruguaiano con i soli McKennie e Rabiot. L’uruguaiano è uscito malconcio dalla sfida contro i lusitani, ma gli esami al JMedical hanno escluso lesioni. Per la sfida contro il Crotone salgono così le possibilità di vedere Ramsey e Rabiot dal primo minuto.

Ramsey
Aaron Ramsey, centrocampista della Juventus

Il gallese fino ad ora è la grande delusione di queste due stagioni: le qualità tecniche non sono mai state messe in discussione ma fino ad ora ha dimostrato la stessa tenuta fisica di Khedira negli ultimi due anni.  Il francese invece è stato l’unico a tenere botta nella serata di ieri, o almeno l’ultimo ad arrendersi. L’assist per il gol di Chiesa dimostra ancora una volta che il francese è capace di inserirsi negli spazi ma fa fatica ad uscire dalla prima pressione. Le sue prestazioni stanno aumentando partita dopo partita. Occhio anche al giovane Fagioli: nelle ultime ore salgono le sue quotazioni e non è escluso che Pirlo lo possa lanciare nella mischia. Il giovane prodotto del vivaio bianconero è l’unico capace di sostituire Arthur avendo ricoperto sempre quel ruolo in tutta la trafila delle giovanili e perché ha delle caratteristiche simili. Nel reparto arretrato dovrebbe essere confermata la presenza di De Ligt e Demiral a causa delle assenze di Chiellini e Bonucci.

Juventus, è emergenza in difesa: Bonucci prova il recupero lampo
Leonardo Bonucci, difensore della Juventus

Toccherà quindi ai giovani perché i senatori sono in infermeria: dopo lo stop di Bonucci alla vigilia dell’ottavo di Champions contro il Porto, anche il capitano si è fermato dopo poco più che mezz’ora di partita per un problema al polpaccio. Gli esami strumentali a cui è stato sottoposto Chiellini hanno però escluso lesioni ma comunque sarà tenuto a riposo per le prossime gare. Le buone notizie potrebbero arrivare dal reparto avanzato. La sterilità della fase offensiva, nelle ultime 5 gare solo Ronaldo e Chiesa sono andati a segno, urge rinforzi. Le speranze sono rivolte tutte a Paulo Dybala, solo tre gol negli ultimi sei mesi, che tra Covid e vari infortuni deve riprendersi al più presto la Juventus. Sei mesi difficili nei quali ha scavallato il 2020, che non stava simpatico a nessuno, ma che lui aveva ottime ragioni per odiarlo più degli altri: appena 10 gol in 12 mesi più una serie di infortuni e ricadute.

Paulo Dybala attaccante della Juventus
Paulo Dybala, attaccante della Juventus

Non solo, perché il numero dieci della Juventus non si è fatto mancare neppure il Covid, contratto all’inizio della pandemia, il 21 marzo, e combattuto per 43 giorni prima della negatività. E in quei 43 giorni, secondo alcuni, va cercato il vero Dybala, il giocatore strepitoso che aveva fatto innamorare tutti e che da quasi un anno non dà notizie di quel fulminante talento, di quel senso del gol, di quella capacità di cambiare le partite con una sua invenzione. Sprazzi, lampi, spezzoni e porzioni di Joya che non saziano i tifosi, sempre innamorati di lui, e Andrea Pirlo, che di Dybala avrebbe grande bisogno in questo momento. In questo momento sente dolore all’inserzione del legamento collaterale mediale sul femore. Il legamento è quello che si era infortunato e che è clinicamente guarito, il dolore è uno sgradevole souvenir, lasciato dall’infortunio.

Non è infrequente, infatti, che quando la lesione al legamento avviene sulla parte esterna, ovvero nel punto in cui il legamento si inserisce sul femore, quando si intensificano gli allenamenti per tornare in gruppo possano esserci delle infiammazioni in quella zona. Spesso evocate dal movimento effettuato per calciare di interno. Niente di grave, insomma, ma i tempi di recupero si sono allungati e questi dolorini continuano a disturbare Dybala. In teoria mercoledì sarebbe anche riuscito a scendere in campo e lo si è visto palleggiare nell’intervallo, ma è evidente che Pirlo non abbia voluto rischiare, anche alla luce del dolore che Paulo continua a denunciare.

Dybala presente contro il Crotone?

Ce la può fare per la partita di lunedì contro il Crotone? Siamo sempre lì: in teoria sì, in pratica decide il suo dolorino. C’è una squadra da riconquistare e un contratto da prolungare: Dybala si gioca tutto in questa ultima parte di stagione. La Juventus è chiamata alla vittoria lunedì sera anche perché domenica alle quindici si giocherà il Derby di Milano. Lo scontro tra le due compagini milanesi distaccate solamente da un punto in classifica potrebbe favorire la squadra bianconera. Pirlo potrebbe rosicchiare qualche punticino ad una delle due o ad entrambe in caso di pareggio, per tenersi ancora attaccato al treno scudetto e lasciare qualche flebile speranza anche ai meno ottimisti.

Juventus, Moncalvo al veleno: "Pirlo crea confusione, Dybala rovinato"
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus

La squadra bianconera ha superato il ciclo infernale e le prossime gare saranno molto più abbordabili delle precedenti a differenza delle due squadre di Milano. Molto dipenderà, ovviamente, dalla Juventus e da come deciderà di affrontare le prossime partite. L’atteggiamento visto contro il Napoli e soprattutto contro il Porto non potrà più essere riproposto a partire già da lunedì. I punti d’ora in poi sono pesanti contro chiunque, la fila delle squadra candidate a raggiungere un posto nella prossima Champions League è molto lunga e la Juventus dovrà stare attenta. Pirlo è pronto ad affrontare il Crotone ma domenica darà un ‘occhiata al Derby sperando in un bel pareggio.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Serie A

La Juventus finisce con una goleada e centra la Champions League

La Juventus batte 4-1 il Bologna e vola in Champions League. Pirlo lascia in panchina Ronaldo e trova la doppietta di Morata ed i gol di Chiesa e Rabiot

Pubblicato

il

Ranking UEFA, Juventus nella Top 5: scavalcato l'Atletico Madrid

I bianconeri, con Cristiano Ronaldo in panchina, battono 4-1 i felsinei e centrano l’obiettivo

Impresa della Juventus di Andrea Pirlo che, all’ultima curva, riesce a superare il Napoli e a centrare l’obiettivo qualificazione alla prossima Champions League. I bianconeri, infatti, al Dall’Ara travolgono 4-1 il Bologna di Sinisa Mihajlovic, piazzandosi addirittura al terzo posto. Tecnico bianconero che stupisce tutti all’inizio, lasciando a sorpresa Cristiano Ronaldo in panchina. Dopo soli 5 minuti è Federico Chiesa, tra i migliori dell’intera stagione della Vecchia Signora, a prendersi però la squadra sulle spalle e sbloccare la partita.

Bianconeri che già nel primo tempo chiudono poi la pratica, con la rete dello spagnolo Alvaro Morata al termine di una bella giocata di Paulo Dybala e, sul finale di tempo, del francese Rabiot in contropiede. Da Bergamo arrivano cattive notizie, con il Milan che vince con l’Atalanta, ma dal “Diego Armando Maradona“. A 20 minuti dal termine del campionato, arriva però la lieta notizia del pareggio del Verona sui partenopei. Così i bianconeri dilagano ancora con Morata mentre il Bologna accorcia con una rete dell’ex Orsolini nel finale di gara. Pirlo può così festeggiare una qualificazione molto sofferta, attendendo ora la società su un’eventuale conferma anche in vista della prossima stagione.

Continua a leggere

Serie A

Juventus, Pirlo alla vigilia del Bologna: “Crediamo ancora alla Champions”

Juventus, Pirlo alla vigilia del Bologna: “Alex Sandro ed Arthur potrebbero giocare. Cristiano Ronaldo è molto attaccato al club e lo vedo ancora qui in futuro. Il Bologna gioca bene e sarà una gara difficile”

Pubblicato

il

Cristiano Ronaldo e Pirlo, attaccante ed allenatore della Juventus

Il tecnico bianconero: “Con Buffon perdiamo un monumento. Futuro? Già deciso”

Ultima conferenza stampa di vigilia, per il tecnico della Juventus Andrea Pirlo. Queste le sue parole in vista del Bologna: “Ci crediamo molto alla qualificazione in Champions League. Dopo il Milan eravamo morti, ma siamo stati bravi a rialzarci. Io ho dato sempre il 100%, sarò in panchina a testa alta e senza rimpianti. Non penso che il mio futuro dipenda dal risultato di un’ultima partita, penso che la società abbia già preso una decisione a riguardo“. Sulla gara di domani e sulla condizione della squadra: “Pensiamo a noi stessi, cercando di vincere e fare una grande partita, così da non avere rimpianti. Abbiamo recuperato bene dalla gara di mercoledì, vincere aiuta a recuperare bene. Il Bologna è una buona squadra e gioca bene. Sarà una partita difficile come all’andata“.

Ancora sul suo futuro e sulla squadra, Pirlo ha dichiarato: “Ho fatto scelte in base alle squadre che affrontavamo. Non mi sono mai pentito delle scelte fatte, magari qualche volta ho sbagliato ma le ho sempre fatte in base a quello che cercavo dalla gara. Vorrei continuare ad allenare la Juventus, sarebbe normale riconfermarsi anche per continuare ad avere la giusta adrenalina“. Sul futuro di Cristiano Ronaldo e Gigi Buffon: “Ronaldo lo vedo concentrato ed ancora qui in futuro. Ha dimostrato il suo attaccamento anche in Coppa Italia. Domani potrebbero giocare anche Arthur ed Alex Sandro che sono a disposizione. L’addio di Buffon alla Juventus? Quando smetterà tutto il calcio perderà un monumento. Siamo cresciuti insieme e vederlo ogni giorno con la voglia di un rgazzino è ammirevole“.

Continua a leggere

Serie A

Juventus, Pirlo dopo il successo sull’Inter: “Crediamo ancora nella Champions”

Juventus, Pirlo dopo la vittoria sull’Inter: “Gara importante, in cui abbiamo speso tante energie. Ora dobbiamo recuperare e pensare alla finale di Coppa Italia con l’Atalanta”

Pubblicato

il

Mercato Juve, Massimo Franchi contro Pirlo: "Inesperto, lo scambierei con..."

Il tecnico bianconero: “Cristiano Ronaldo per la prima volta contento per una sostituzione”

Ritrova il sorriso Andrea Pirlo, tecnico della Juventus. Una settimana fa, infatti, i bianconeri uscivano sconfitti in casa malamente dal Milan. Oggi, festeggiano sei punti, in match difficili come il Sassuolo nell’infrasettimanale ed il Derby d’Italia con L’Inter oggi pomeriggio. Sei punti che tengono la Vecchia Signora ancora in scia per un piazzamento alla prossima Champions League. Queste dunque le parole del tecnico della Juventus a Sky Sport: “Per noi era importante vincere questa sera per poter avere ancora una speranza, avevamo l’obbligo di portare avanti il nostro obiettivo e siamo riusciti a vincere, nonostante qualche difficoltà“.

Pirlo, durante il match, ha sostituito Cristiano Ronaldo, apparentemente non troppo soddisfatto: “Cristiano era forse per la prima volta in carriera contento di essere sostituito. Per come si era messa la gara dopo l’espulsione di Bentancur avrebbe dovuto correre a vuoto per tutta la mezz’ora finale. Sulla finale di Coppa Italia di mercoledì contro l’Atalanta non abbiamo ancora avuto tempo di pensarci, ero concentrato sulla gara con l’Inter. L’importante però sarà recuperare in fretta tutte le energie perchè nella gara di oggi abbiamo speso tanto“. Sulla possibile passerella d’onore: “A noi non l’hanno mai fatta, ma ci siamo giustamente complimentati con i vincitori“. Pirlo sulla prossima stagione: “Credo di avere a disposzione una buona squaadra, si può sempre migliorare. Intanto vediamo comefinirà questo campionato, tra domani e domenica“.

Continua a leggere

Serie A

Orgoglio Juventus, Inter battuta 3-2

Pirlo batte Conte e la Juventus continua a sperare nella Champions League. Nel 3-2 per i bianconeri a segno Cuadrado con una doppietta e Cristiano Ronaldo, dall’altra parte Lukaku ed un’autorete di Chiellini. Espulsi Bentancur e Brozovic

Pubblicato

il

Juventus, Cuadrado: "Un onore indossare la fascia di capitano"

Un rigore ed un’espulsione per parte, quattro interventi del Var e tante emozioni

La Juventus di Andrea Pirlo continua restare in corsa nel cammino verso la prossima edizione della Champions League. La formazione bianconera, infatti, ha battuto all’Allianz Stadium nel Derby d’Italia l’Inter campione d’Italia del grande ex Antonio Conte. Tante le emozioni che hanno caratterizzato questa sfida, valida per la trentasettesima e penultima giornata di campionato. Grande protagonista della gara, l’arbitro Calvarese e, soprattutto, il VAR. I primi due gol, infatti, arrivano su aiuto della tecnologia. Al 24′ la Juventus passa in vantaggio su calcio di rigore di Cristiano Ronaldo concesso per una trattenuta di Darmian su Chiellini. Dieci minuti più tardi è Lukaku, sempre dal dischetto, a pareggiare, questa volta per un lieve pestone di De Ligt su Lautaro Martinez. Bianconeri che tornano in vantaggio nel recupero del primo tempo, con una gran botta di Cuadrado che, leggermente deviato da Eriksen, batte Handanovic.

Nella ripresa, al 55′ la Juventus resta in dieci: Bentancur, già ammonito, stende Lukaku sulla trequarti in ripartenza, e Calvarese decide per la doppia ammonizione e la conseguente espulsione. Inter che quindi si getta in avanti a caccia del pareggio. All’82’ ci prova Vecino, ma sul suo colpo di testa a botta sicura è splendido Sczesny a respingere. Qualche minuto prima il VAR aveva annullato un gol a Lautaro Martinez in semirovesciata, a causa di un fallo di Lukaku su Chiellini. Duello tra il belga ed il capitano bianconero che si ripete all’84’: cross dalla sinistra, con il centrale bianconero che dopo un contrasto con il bomber nerazzurro deposita nella propria rete: Calvarese va per la quarta volta al VAR e poi assegna il pareggio. Quando ormai la gara sembra andare verso il termine, Cuadrado sulla destra salta Perisic ed il croato, all’ingresso dell’area lo stende. Dal dischetto va lo stesso colombiano che batte Handanovic e sigla il gol vittoria. Nel finale, nella formazione di Conte, espulso Brozovic per doppia ammonizione.

Continua a leggere

Serie A

Juventus-Inter, formazioni ufficiali: le scelte di Pirlo e Conte

Juventus-Inter, le formazioni ufficiali della sfida dell’Allianz Arena: Pirlo manda Dybala in panchina con Kulusevski titolare, dall’altra parte Conte risponde con Lautaro Martinez-Lukaku

Pubblicato

il

Szczesny, portiere della Juventus

Juventus con Kulusevski al fianco di Ronaldo, Conte sceglie il miglior undici

Questa sera, con un sapore diverso dalle ultime stagioni, si disputerà all’Allianz Stadium la sfida tra Juventus ed Inter. Un Derby d’Italia con situazioni di classifica opposte rispetto alle ultime stagioni. I bianconeri di Andrea Pirlo, infatti, hanno abdicato dopo 9 Scudetti consecutivi, con un attuale quinto posto che rischia addirittura di estrometterli anche dalla prossima edizione della Champions League. Dall’altra parte, invece, l’Inter dell’ex Antonio Conte ha potuto festeggiare già la scorsa settimana la vittoria del diciannovesimo Scudetto. Nonostante tutto, però, il tecnico nerazurro avrebbe invitato i suoi al massimo impegno, vista l’importanza per le due squadre della sfida. Già tre i confronti in questa stagione: all’andata, a San Siro, vinse l’Inter 2-0 mentre nel doppio confronto di Coppa Italia sono stati i bianconeri a superare il turno.

Tecnico della Vecchia Signora che in attacco si affida a Dejan Kulusevski al fianco di Cristiano Ronaldo, con Chiesa ancora tra i 4 di centrocampo e Szczesny che riprende il posto di Buffon tra i pali. Nei nerazzurri, invece, torna dall’inizio la coppia Lautaro Martinez-Lukaku.
JUVENTUS – Szczesny; Alex Sandro, Chiellini, Danilo, De Ligt; Bentancur, Chiesa, Cuadrado, Rabiot; Cristiano Ronaldo, Kulusevski. All.: Pirlo.
INTER – Handanovic; Bastoni, De Vrij, Skriniar; Barella, Brozovic, Darmian, Eriksen, Hakimi; Lautaro Martinez, Lukaku. All.: Conte.

Continua a leggere

Serie A

Juventus-Inter, streaming gratis: la DIRETTA LIVE della gara

Juventus-Inter: streaming gratis e diretta live della gara dell’Allianz Stadium, probabili formazioni e pronostico

Pubblicato

il

Barella, Inter-Juventus

Juventus-Inter streaming gratis: dove vederla in TV e online

HESGOAL JUVENTUS INTER STREAMING GRATIS – Juventus-Inter, gara della trentasettesima e penultima giornata di Serie A. Dove vedere Juventus-Inter in diretta live e streaming gratis? Facile, il “Derby d’Italia”, che si giocherà nel ppomeriggio all’Allianz Stadium con calcio di inizio alle ore 18, sarà visibile sulla piattaforma Sky. La gara sarà visibile per gli abbonati al canale Sky Sport Serie A e sul canale 251 del satellite. In streaming gratis, invece, la sfida tra Juventus ed Inter sarà visibile, sempre per gli abbonati Sky, su Sky Go per Pc, Tablet e Smartphone, e Now Tv.

Streaming gratis Juventus-Inter: la gara in DIRETTA LIVE

Gara sempre dal grande fascino, ma, dopo diverse stagioni, dalle sensazioni opposte. La Juventus di Andrea Pirlo, infatti, è al momento al quinto posto, prima delle escluse dalla prossima edizione della Champions League. L’Inter, invece, dopo 9 anni di dominio bianconero, quest’anno ha già potuto festeggiare la vittoria dello Scudetto e, a differenza dei bianconeri, può giocare senza pressioni. La gara di andata, a San Siro, vide il successo della formazione nerazzurra, con le reti dell’ex Arturo Vidal e di Nicolò Barella.

Le probabili formazioni ed il pronostico della sfida

Queste le probabili formazioni della sfida dell’Allianz Stadium di oggi pomeriggio tra Juventus e Inter.
JUVENTUS – Szczesny; Alex Sandro, Chiellini, Danilo, De Ligt; Bentancur, Chiesa, Cuadrado, Rabiot; Cristiano Ronaldo, Dybala. All.: Pirlo.
INTER – Handanovic; Bastoni, De Vrij, Skriniar; Barella, Brozovic, Darmian, Eriksen, Hakimi; Lautaro Martinez, Lukaku. All.: Conte.

Gara tra Juventus ed Inter che, viste anche le situazioni di classifica di entrambi, potrebbe terminare con un pareggio. Sicueramente ci potrebbero essere tanti gol e spettacolo, con grandi protagonisti da ambo le parti. In particolare, gli occhi saranno puntati sulla sfia tra i due bomber, il portoghese dei bianconeri Cristiano Ronaldo ed il belga dei nerazzurri Romelu Lukaku. Sfida dunque che prevede anche l’Over 2,5 ed il GOL.

SCOPRI LA DIRETTA LIVE STREAMING DI JUVENTUS-INTER<<<

Continua a leggere

Serie A

Juventus, Pirlo alla vigilia dell’Inter: “Vogliamo vincere”

Juventus, Pirlo alla vigilia dell’Inter: “Complimenti a Conte ed ai nerazzurri, ma domani vogliamo vincere. Szczesny, Chiesa e Alex Sandro titolari, Demiral, Ronaldo e Dybala vedremo”

Pubblicato

il

Pirlo

Il tecnico bianconero: “I nerazzurri meritano lo Scudetto, hanno avuto più fame”

Giornata di vigilia molto importante in casa Juventus. Per la penultima giornata di Serie A, infatti, i bianconeri riceveranno domani sera nel Derby d’Italia l’Inter campione d’Italia dell’ex bianconero Antonio Conte. A presentare il match, sempre molto sentito, il tecnico bianconero, altro ex della sfida, Andrea Pirlo: “Contro il Sassuolo abbiamo fatto una prestazione di squadra, e non era facile dopo la brutta sconfitta con il Milan. C’è stata una bella reazione: ci siamo aiutati, anche nelle difficoltà abbiamo giocato tutti insieme e questo è stato l’aspetto più positivo“.

L’allenatore della Juventus ha poi proseguito: “Alex Sandro domani giocherà sicuramente, perchè poi è squalificato nella finale di coppa. Gli altri devo ancora decidere, dobbiamo recuperare energie. Anche tra Cristiano Ronaldo e Dybala non so ancora chi giocherà, dobiamo concentrarci sul recupero delle forze, fisiche e mentali“. Sui tanti errori ed i punti persi con le piccole: “In alcune occasioni ci è mancata compattezza, dispiace aver perso punti con le piccole. Bastava collezionarequalche punto in più per essere lì, abbiamo avuto cali di concentrazione. Quando non hai il fuoco dentro in tutte le partite poi succede che lasci punti per strada“.

Juventus senti Fognini: "La Juve è sempre la Juve, ma l'Inter..."
Ronaldo in gol contro l’Inter

Juventus, Pirlo: “Alex Sandro e Chiesa titolari, su Cristiano Ronaldo e Dybala deciderò domani”

Il tecnico della Juventus, continuando sulla formazione, annuncia altri due titolari: “Chiesa sta bene, è riuscito a scattare senza problemi nella gara con il Sassuolo. Per domani sera è a disposizione e potrebbe partire titolare. In porta, invece, ci sarà Szczesny“. Pirlo poi rende merito anche all’Inter per la vittoria del campionato: “Se i nerazzurri hanno vinto il campionato, vuol dire che hanno fatto meglio delle altre squadre. Sono stati più regolari, hanno avuto più fame. Le due rose sono entrambe valide, ma loro sono stati più bravi. Complimenti a loro, ma noi potevamo fare di più“.

Il tecnico bianconero conclude: “Vedere domani i nuovi campioni d’Italia ci deve spingere a dare qualcosa di più. Dobbiamo avere grande voglia di vincere la partita. Loro vorranno vincere, conosciamo l’importanza della sfida e la voglia di non lasciare niente di Conte. La prepareremo al meglio, è una sfida importante per noi, ma anche per loro che vorranno dmostrare di essere i campioni d’Italia. Noi gli abbiamo già fatto i complimenti, non so se domani ci chiederanno una passerella. Demiral ha recuperato da un infortunio e da due settimane si allena con noi. Vedremo domani“.

Continua a leggere

Serie A

Juventus, Pirlo ci crede ancora dopo il successo con il Sassuolo

Juventus, Pirlo dopo la vittoria con il Sassuolo: “Ora testa all’Inter. Dobbiamo vincerle tutte, ci crediamo, poi alla fine tireremo le somme. Campioni come Buffon, Ronaldo e Dybala fanno sempre la differenza”

Pubblicato

il

Juventus, Dario Canovi: "Dybala inguardabile. Su Ronaldo..."

“Bravi a rialzarci dopo il Milan. Ci crediamo, lotteremo fino alla fine”

E’ soddisfatto il tecnico della Juventus, Andrea Pirlo, dopo l’importante successo per 3-1 in casa del Sassuolo. Queste le parole del tecnico bianconero ai microfoni di DAZN: “Adesso respiriamo una mezz’oretta, da domani inizieremo subito a pensare alle ultime due partite. Non era facile riprendersi dopo la sconfitta dell’altra sera, siamo stati bravi a fare questo tipo di partita perchè non è mai facile affrontare il Sassuolo. Avevamo preparato una gara d’attesa, con linee molto strette perchè loro portavano tanti giocatori tra le linee. Dovevamo essere bravi nel recupero palla, ripartire velocemente, perchè loro portavano tanti giocatori oltre la linea della palla, quindi lasciavano spazi per lasciarci ripartire in contropiede. Infatti avevamo messo due giocatori sugli esterni pronti ad attaccare la profondità e l’abbiamo fatto bene“.

Sulla corsa Scudetto, il tecnico della Juventus: “Dobbiamo fare affidamento sulle nostre forze, poi alla fine vedremo cosa faranno anche gli altri e tireremo le somme, ad iniziare da sabato contro l’Inter”. Sulle diverse formazioni: “Abbiamo avuto un anno in cui abbiamo giocato tanto e diversi indisponibili. Abbiamo ruotato parecchio, cercando però di mettere la migliore formazione possibile in ogni occasione“. Sulla prestazione di campioni come Buffon, Cristiano Ronaldo e Dybala: “I campioni nel calcio sono sempre quelli che fanno la differenza, noi ne abbiamo tanti che stasera hanno dato un’impronta ben precisa alla gara. Ma facciamo i complimenti a tutta la squadra che ha fatto una partita di sacrificio. Non era facile rialzare la testa dopo la sconfitta con il Milan, però siamo ancora vivi. Mancano due partite e noi lotteremo fino alla fine“.

Continua a leggere

Serie A

La Juventus torna a vincere: battuto il Sassuolo 3-1

La Juventus si rialza dopo la sconfitta con il Milan: battuto il Sassuolo 3-1. Berardi sbaglia un rigore, segnano Rabiot, Cristiano Ronaldo e Dybala: inutile la rete di Raspadori per i neroverdi

Pubblicato

il

Paulo Dybala, attaccante della Juventus

Buffon para rigore a Berardi: poi segnano Rabiot, Ronaldo e Dybala. Inutile la rete di Raspadori

Gara dal sapore d’Europa al “Mapei Stadium” per l’infrasettimanale della trentaseiesima giornata di Serie A tra il Sassuolo di Roberto De Zerbi e la Juventus di Andrea Pirlo. Gara subito divertente nel primo tempo, con il Sassuolo che intorno al quarto d’ora potrebbe sbloccarla: Raspadori ruba palla a Rabiot e viene stesso da Bonucci, ma Buffon ipnotizza Berardi e para il calcio di rigore. La Juventus così si sveglia: al 28′ Adrien Rabiot salta Locatelli e Obiang e, con uno splendido tiro, batte un’incolpevole Consigli.

Sul finale di primo tempo, poi, arriva la firma del solito Cristiano Ronaldo, con il portoghese che riceve un lancio ancora di Rabiot, salta Marlon e batte ancora l’estremo difensore neroverde. Nella ripresa il Sassuolo cerca di riaprirla, con il solito Giacomo Raspadori che triangola con Locatelli e trafigge Buffon. Passano soltanto 7 minuti e la Juventus la chiude: Kulusevski manda in porta Dybala che, con un tocco sotto, supera per la terza volta Consigli. Nel finale Cristiano Ronaldo colpisce anche un palo, mentre dall’altra parte Rabiot sfiora per due volte la doppietta personale. Curiosità: CR7 e Dybala siglano il loro centesimo gol con la maglia della Juventus.

Continua a leggere

Serie A

Sassuolo-Juventus, le formazioni ufficiali della sfida del “Mapei Stadium”

Sassuolo-Juventus: occhi puntati su Locatelli, obiettivo di mercato bianconero. Pirlo rilancia Danilo, Arthur e Kulusevski: occasione anche per Buffon

Pubblicato

il

Il giorno di Roma-Juventus, test importante per Pirlo e non solo

De Zerbi conferma Raspadori in attacco, Pirlo lancia Dybala con Cristiano Ronaldo

Sfida delicata, questa sera alle 20.45 per il turno infrasettimanale della trentaseiesima giornata. Al “Mapei Stadium“, infatti, si troveranno di fronte il Sassuolo di Roberto De Zerbi e la Juventus di Andrea Pirlo. I neroverdi, infatti, sono all’ottavo posto, a soli due punti dalla zona Europa occupata dalla Roma di Paulo Fonseca e vengono dal successo di domenica scorsa contro il Genoa. La Vecchia Signora, invece, arriva da una stagione piuttosto deludente e dalla brutta sconfitta casalinga contro il Milan, con il quinto posto in classifica e tre punti di distanza dalla zona Champions League. De Zerbi sceglie ancora Giacomo Raspadori in attacco, con l’Under 21 che arriva da un buon momento.

A centrocampo occhi puntati sull’ex Milan Manuel Locatelli, oggetto del desiderio del prossimo mercato bianconero. Nella Juventus, invece, Pirlo si affida al duo formato da Dybala e Cristiano Ronaldo. In difesa torna il brasiliano Danilo, mentre a centrocampo nuova opportunità per l’ex centrocampista del Barcellona Arthur. Fuori a sorpresa Cuadrado: al suo posto Pirlo tenta la carta Kulusevski, con Gigi Buffon ormai prossimo all’addio alla Vecchia Signora lanciato titolare al posto del polacco Szczesny.
SASSUOLO – Consigli; Ferrari, Kyriakopoulos, Marlon, Toljan; Locatelli, Obiang; Berardi, Bogà, Traorè; Raspadori. All.: De Zerbi.
JUVENTUS – Buffon; Alex Sandro, Bonucci, Danilo, De Ligt; Arthur, Chiesa, Kuluseski, Rabiot; Cristiano Ronaldo, Dybala. All.: Pirlo.

Continua a leggere

Di Tendenza