in

Marchisio: “Juventus? Non c’è un progetto solido, ma serve solo vincere”

Claudio Marchisio ha voluto esprimere la sua opinione sulla Juventus di quest’anno

Juventus, Marchisio "spinge" Locatelli a Torino: scambio di battute su Twitter
Juventus, Claudio Marchisio

Il momento difficile della Juventus

Marchisio ha parlato ai microfoni de Il Corriere della Sera e ha detto la sua sul momento difficile della Juventus:

“L’inizio inaspettato è evidente a tutti e soprattutto ai bianconeri, ormai il periodo complicato si è prolungato e potrebbe essere colpa delle decisioni prese negli ultimi due anni“.

Quanto pesa adesso indossare la maglia bianconera?

Sicuramente è complicato, ma non era semplice nemmeno quando si vinceva, anche perché la vittoria per noi non era mai data per scontata. Anche io ho avuto un’annata complicata con la Juventus, ma al tempo eravamo reduci da una finale di Champions, mentre ora gli ultimi due anni sono stati particolarmente difficili”.

Quali sono i punti deboli della Juve?

“Manca qualcosa nel reparto di centrocampo, ma i problemi sono generali, anche perché si difende e si attacca tutti insieme. Non sempre una papera del portiere determina il risultato, anche perché bisogna vedere come nasce il tiro. Sono tanti gli errori che portano a prendere un gol e serve sacrificio in difesa da parte di tutti”.

I problemi della Juventus da due anni a questa parte

Cristiano Ronaldo, ex giocatore della Juventus

Qual è la causa dei problemi della Juventus, secondo Marchisio?

Rispetto al solito, non c’è un progetto solido alla base, a 360 gradi. Anche se siamo all’inizio, è giusto mettere pressione ai giocatori, come ha fatto Allegri in conferenza stampa quando ha detto che con lo Spezia sarebbe stato uno scontro salvezza”.

Sulla gestione Ronaldo:

“Credo che quello che mancava era un progetto. Il problema non era Ronaldo, anche perché ora che se ne è andato segna. La verità è che mancava una giusta squadra intorno a lui e sarebbe dovuto essere accompagnato meglio“.

Il prosieguo della stagione e come ci si può risollevare

Chiellini e Bonucci
Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini, difensori della Juventus

L’ex giocatore ha anche parlato di come potrebbe proseguire la stagione della Juventus:

“Il momento è delicato, ma si può sistemare rapidamente. In ogni caso, c’è il rischio di intraprendere un cammino che comprometta il resto della stagione”.

Secondo Marchisio, però, le basi per fare meglio ci sono:

I giocatori sono comunque buoni, ma hanno bisogno di trovare un punto di incontro sia a livello di gioco in campo, sia mentale e negli spogliatoi. In questo modo potranno subire meno reti e ottenere maggiori risultati. Il fatto che la Juve subisca tante rimonte, infatti, è dato da una mancanza di controllo”.

Come si può riprendere la Juventus?

“Piano piano, non si può sistemare cambiando allenatori, giocatori o progetti, perché deve uscirne la squadra nella totalità. Bisogna rimanere uniti con l’unico scopo di vincere, senza preoccuparsi di altro. La Juve ora ha bisogno di punti e non di bel gioco“.

Sui giocatori di esperienza:

Allegri ha sempre dato opportunità ai giovani anche dopo i loro errori, ma il problema non sono loro, bensì c’è da domandarsi se i senatori abbiano o meno ancora voglia e linfa per aiutarli in questo momento. I primi stimoli devono arrivare da chi ha esperienza, anche se i giovani devono prendersi comunque le loro responsabilità”.

Intanto con lo Spezia è arrivata la prima vittoria in campionato. Ecco le pagelle dei protagonisti del match >>>CONTINUA A LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *