in

Malmö-Juventus 0-3, Alex Sandro e Morata sugli scudi, Cuadrado sempre al top: le pagelle

I voti ai protagonisti del match di ieri sera

Malmö-Juventus 0-3, Alex Sandro e Morata sugli scudi, Cuadrado sempre al top: le pagelle

Le pagelle del Malmö

Diawara 5.5; Ahmedhodzic 5.5, Nielsen 4.5, Brorsson 5; Berget 5.5, Innocent 5.5 (30′ st Nanasi s.v.), Christiansen 6, Rakip 5 (14′ st Nalic 6), Rieks 5 (30′ st Olsson s.v.); Birmancevic 5.5 (14′ st Abubakari 6), Colak 5.5. All.: Tomasson 5.

Le pagelle della Juventus

Malmö-Juventus 0-3, Alex Sandro e Morata sugli scudi, Cuadrado sempre al top: le pagelle
I festeggiamenti al gol di Alex Sandro, che ha sbloccato il match

Szczesny 6.5: uno dei più criticati nel pre-partita, il portierone polacco risponde presente con una prestazione senza particolari acuti, ma tanti buoni interventi e, stavolta, anche preciso con i piedi.

Danilo 6.5: schierato da terzino più di contenimento che di spinta, fa il suo dovere egregiamente, non disdegnando anche qualche sgroppata in fase offensiva.

Bonucci 6.5: sempre attento e concentrato, i suoi lanci millimetrici a pescare gli inserimenti dei compagni sono un piacere per gli occhi. Da dietro comanda il gioco, senza farsi sorprendere sulle controffensive degli svedesi.

De Ligt 6.5: a differenza del suo compagno di reparto, tende meno ad impostare il gioco. Il suo compito è quello di non far passare neanche un pallone e ci riesce bene (dall’86’ Rugani s.v.).

Alex Sandro 7: non tanto per il bel gol segnato, ma soprattutto perché finalmente ha offerto alla causa bianconera una prestazione di livello, come ai vecchi tempi. Puntuale nelle chiusure e propositivo palla al piede.

Cuadrado 7.5: vera e propria spina nel fianco della difesa del Malmö con dribbling, accelerate, cross e inserimenti. Impreziosisce la sua prestazione con l’assist per il gol che ha incanalato la partita sui binari juventini (dall’82’ Kulusevski s.v.).

Locatelli 6.5: qualità e quantità. Da quando si è inserito a pieno nei meccanismi di Allegri, la squadra ne ha giovato parecchio. Anche lui, talvolta, casca in qualche errore banale, ma dà l’impressione di essere l’uomo chiave del centrocampo.

Bentancur 6: scandisce i tempi in mediana, gestendo sapientemente le energie in un periodo così ricco di impegni. Qualche volta pecca in incisività con la palla tra i piedi, ma di corsa e tenacia ne mette davvero tanta (dal 67′ McKennie 6: entra per far rifiatare Bentancur. Gli viene chiesto di fare da diga a centrocampo e l’americano risponde presente).

Rabiot 7: schierato da esterno sinistro, ruolo per lui insolito (ma neanche troppo), sfodera una delle migliori prestazioni del suo recente passato. Progressioni con la palla al piede e interessanti fraseggi con i compagni: questa partita può rappresentare il punto di svolta della sua esperienza juventina, finora caratterizzata più da ombre che da luci.

Morata 7.5: una delle note più liete di serata. Al secondo gol consecutivo, il numero 9 bianconero sa quando attaccare la profondità e quando venire incontro. Spreca qualche occasione, ma ci mette tanto impegno anche in fase di non possesso. Se dovesse continuare così, il posto al fianco di Dybala, per lui, è garantito. (dal 68′ Kean 6: un po’ confusionario. Ha tanta voglia di fare e si vede. Diawara gli nega la gioia di un gol che sarebbe stato molto importante per lui).

Dybala 6.5: meglio nella ripresa che nel primo tempo, nonostante il gol su rigore (peraltro non calciato benissimo). Lampi di classe sopraffina mescolati a sbavature non da lui, ma è evidente che Allegri punta forte su di lui e la fascia da capitano al braccio lo testimonia (dall’82′ Ramsey s.v.).

Allegri 7: era importante dimenticare le ultime brutte prestazioni e cominciare il cammino di Champions League con il piede giusto. La sua Juve è brava ad aggredire la partita ed a non farsi ingabbiare dalla compattezza del centrocampo del Malmö. Vittoria importante, punteggio largo e trame di gioco interessanti: proprio quello che ci voleva. La mano del tecnico toscano, forse, è tornata a farsi vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *