in

Juventus, vincere aiuta a vincere: Sarri prenota la Supercoppa

Braida predica calma: "Sarri? Professionista di primo piano, alla Juventus ci sono problemi"
Maurizio Sarri, allenatore della Juventus

Quando le critiche fanno bene: la Juventus si scopre più forte

Le sconfitte, le critiche non sempre portano ad una reazione. Spesso causano un contraccolpo psicologico che crea tensioni all’interno dello spogliatoio. Non è questo però il caso della Juventus che è riuscita a ribaltare a proprio favore il brutto stop, il primo stagionale, contro la Lazio. La stampa non vedeva l’ora di commentare la “Caduta degli dei dall’Olimpo“. Ai bianconeri veniva puntualizzata l’assenza di una manovra di gioco fluida, nonostante i buoni risultati, troppa superficialità dimostrata da alcuni giocatori e poca determinazione nel chiudere anzitempo le partite.

La batosta inflitta dai biancocelesti, però, sembra essere arrivata al momento giusto. La gara dell’Olimpico ha riportato con i piedi a terra la compagine di Maurizio Sarri che pensava di potersi cullare e rilassare, dopo l’ottima partenza stagionale. Un ragionamento non da grande squadra, soprattutto quest’anno, in cui anche in campionato sembra esserci una folta concorrenza per la conquista del Tricolore.

Come al solito, però, la Juventus ha rispedito le chiacchiere da bar e lo ha fatto attraverso l’unico modo possibile: vincendo sul campo. La vittoria di Leverkusen, con la qualificazione già in tasca da un bel po’, è stato il primo segnale. I successi contro Udinese e Sampdoria hanno confermato quanto di buono si era visto nella sfida contro i tedeschi. Il tridente potrebbe essere la chiave per il bel gioco? Chissà, la risposta potrà darla solo il tempo, intanto c’è da conquistare il primo trofeo stagionale e Sarri non può fallire.

Sarri prenota la Supercoppa: rivincita con la Lazio?

Esultanza Juventus
Esultanza Juventus

La rivincita è un piatto che va servito freddo. Sicuramente è quello che starà pensando Maurizio Sarri, desideroso di vendicare la sconfitta di campionato contro la Lazio. La Juventus, a 15 giorni della debacle dell’Olimpico, avrà la possibilità di riscattarsi e di conquistare il primo trofeo stagionale: la Supercoppa Italiana.

La sfida contro i biancocelesti potrebbe coronare un periodo che la Juventus ha iniziato male, ma che è riuscita subito a raddrizzare per il meglio. La squadra sembra rigenerata: De Ligt inizia a prendere le misure e anche Demiral al suo posto non dispiace affatto. Le chiavi del centrocampo sono affidate alla saggia custodia di Pjanic con Matuidi e Bentancur che possono solo accompagnare.

In avanti, se Ramsey e Bernardeschi deludono, Sarri potrà affidarsi al magico tridente e a Douglas Costa che, anche a mezzo servizio, può fare la differenza in qualunque momento della partita. L’intesa tra Higuain, Ronaldo e Dybala cresce di partita in partita, i tre sembrano un’arma micidiale per qualsiasi difesa e con un CR7 tornato finalmente in stato di grazia (6 gol nelle ultime 6 gare) i tifosi hanno il diritto di sognare in grande.