in

Juventus, stop McKennie e Dybala: le ultime sugli infortuni

I due giocatori, schierati titolari nel match contro il Sassuolo, sono stati costretti a interrompere anzitempo la partita: si valutano le entità dei due stop

Paulo Dybala a terra a causa dell'infortunio patito nel corso di Juventus-Sassuolo

In casa Juventus tengono banco gli infortuni. E non solo. Il Covid-19 ha costretto Alex Sandro, Cuadrado e de Ligt a fermarsi ai box, in attesa di un tampone negativo dei prossimi giorni, mentre la gara tra i bianconeri e il Sassuolo ha visto fermarsi McKennie, colpito da un infortunio muscolare, e Paulo Dybala.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, sfida a 3 per Pogba: lo United "si accontenta"

Entrambi sono usciti nel corso del primo tempo, lo statunitense al minuto 19 e l’argentino a due minuti dal termine della prima frazione di gioco. Se l’infortunio del primo sembra poter essere di minore entità – e lo testimonia il fatto di essere uscito dal campo “correndo” – quello del secondo potrebbe comportare uno stop più rilevante.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, Milik resta il piano A di Paratici: 3 alternative
Weston McKennie in azione contro il Sassuolo

Juventus, attesa per i responsi della società sugli infortuni

I due giocatori, come riportato da calciomercato.it, sono stati sottoposti a un controllo medico nella mattinata odierna. McKennie è giunto al J Medical intorno alle 10, mentre Dybala lo ha seguito a un’ora di distanza. I responsi dettagliati in merito ai due infortuni arriveranno solamente nel corso della giornata, partendo dal presupposto che lo statunitense sembra si sia fermato per un problema di natura esclusivamente muscolare.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, Momblano: "Intreccio Juventus-Atalanta: 4 calciatori coinvolti"

Diverso il discorso per l’argentino. Uscito dal campo dolorante, La Joya ha subìto un colpo al ginocchio sinistro nel corso del primo tempo. A testimonianza della serietà dell’infortunio, va sottolineato che il giocatore è giunto al J Medical zoppicando in maniera vistosa, indossando un tutore per prevenire eventuali movimenti inconsueti della gamba. Il timore è che quella che è a tutti gli effetti una contusione possa trasformarsi in un problema assai più grave, che vada a interessare un legamento collaterale dell’arto. Non resta che attendere un responso ufficiale da parte della società.