in

Juventus-Roma, la strana coppia nelle mani di Allegri

Massimiliano allegri nella partita di domenica contro la Roma si affiderà ai due Federico per provare a vincere

Chiesa Bernardeschi
Chiesa Bernardeschi

Il big match di domenica 17 ottobre è crocevia di una stagione. Se non per i giallorossi, di sicuro per la Juventus. La pausa Nazionali ha interrotto una serie aperta di quattro successi consecutivi (tre in Serie A, uno in Champions League), ma la pausa ha dato modo a Massimiliano Allegri anche di pensare e riflettere sulle prossime strategie. La Roma sarà solo il primo di sette avversari da affrontare nel giro di venti giorni. Uno snodo importante per capire gli obiettivi e sapere cosa davvero può essere la Juventus quest’anno. Dalla partita contro il Chelsea, il tecnico livornese ha individuato chi può dargli delle garanzie anche perché se ci si vuole defilare dal ritenere importante la partita con la Roma, di certo non si potrà farlo per la trasferta di pochi giorni dopo a San Pietroburgo. Contro lo Zenit occorrerà archiviare la qualificazione agli ottavi di Champions League.

Una questione di Fede

Paulo Dybala scalpita, Alvaro Morata ha bisogno di qualche giorno in più. Il primo atto di fede resta, quindi, quello di collocare Chiesa al centro dell’attacco. Le partite durano 90 min, il 4-4-2 di matrice allegriana ha bisogno di tanto ossigeno e così per la mancanza momentanea di Rabiot sulla fascia, ecco che spunta il secondo atto di fede, Bernardeschi. Si, è una Juventus che ancora volta giocherà senza un vero numero 9 ma con le due punte pronte a creare spazio per gli esterni e a dare meno riferimenti possibili alle difese avversarie.

Chiesa

Bisogna fare di necessità virtù anche se il destino che Allegri vorrebbe per Federico Chiesa è proprio quello di diventare il prossimo numero 9. Atipico, ovvio. Perché gli strappi del figlio di Enrico non sono nelle corde di una tipica punta centrale e anche se la tecnica difetta su qualche punto la forza mentale e dei polmoni giganteschi permettono all’ex Fiorentina di creare molti problemi ai difensori avversari.

Bernardeschi

Federico Bernardeschi, giocatore della Juventus
Federico Bernardeschi, giocatore della Juventus

Bernardeschi, invece, sarà utile nel ruolo di spalla. La fiducia ritrovata come in quel momento in cui il “numero 10” voleva e lo pretendeva lui e un contratto in scadenza il prossimo anno, dopo i già 5 trascorsi in maglia bianconera, gli stimoli che lo hanno riportando a giocare ai suoi livelli. Il rinnovo occorrerà guadagnarselo a meno che non ci si accontenti di un contratto meno remunerativo di quello attuale. Un’ipotesi concreta nelle menti dei dirigenti della Juventus. Ma c’ ancora un margine di tempo per convincere Allegri e tutti quanti che Bernardeschi è essenziale per questa Juventus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *