in

Juventus, Moggi: “Avevo pensato anche al suicidio”

Su Netflix è uscito un documentario su Calciopoli, Il lato oscuro dello sport. Protagonista è Luciano Moggi che si racconta e si lascia andare ad uno sfogo umano

Juventus, Moggi: "Da Crotone a Kiev è cambiato poco. Contro il Napoli..."
Luciano Moggi, ex dirigente Juventus

“Mi vergognavo anche a passeggiare per strada e in quei momenti ho pensato anche al suicidio”. Dopo tutti questi anni, dopo tutti gli strascichi che la vicenda ancora si porta dietro, Luciano Moggi è riuscito ad esternare tutto ciò che accade. Su Netflix è uscito un documentario sulla vicenda Calciopoli dal titolo “Il lato oscuro dello sport”, una serie che analizzerà il lato meno bello e meno pulito dello sport in generale. Il documentario non scava più a fondo di quanto già si è fatto nella vicenda che ha portato, tra le altre cose, la Juventus in Serie B. Un’ora che ripercorre i fatti e dà voce anche all’ex a.d. bianconero. Non si vuole di certo riscrivere un giudizio su di lui o far cambiare idea su una persona che ha sbagliato e sta pagando per ciò che ha fatto. Ma, come spesso accade, la voce del colpevole non interessa poi così tanto ai media. Interessa l’eroe e, al più, l’antieroe ne esce sempre peggio sulla carta stampata.

Un sacrificio per non condannare tutti

Luciano Moggi
Luciano Moggi. ex dirigente di Napoli, Roma e Juventus

La frase sul gesto estremo – risulta anche solo difficile pronunciare quella parola – dà la dimensione non del dirigente ma dell’uomo. Un uomo eretto e sacrificato a simbolo di un’inchiesta per cui, è consapevolezza di tutti, hanno pagato in pochi. Tante chiamate intercettate ma ignorate e il dito puntano unicamente su Luciano Moggi. Se pensiamo a Calciopoli il suo è il nome che colleghiamo anche inconsciamente come quando pensiamo alla Formula 1, ad esempio, pensiamo alla Ferrari. Oltre Moggi, il documentario dà voce anche al pm Giuseppe Narducci che difende l’operazione e rimpiange non averla potuta concludere per fuga di notizie.

Contraddizioni

Luciano Moggi
Luciano Moggi. ex dirigente di Napoli, Roma e Juventus

Il marcio è uscito, almeno in parte. Ma, rivendica Moggi, se la sentenza dichiara che nessuna partita è stata alterata e tutti gli arbitri sono assolti (tranne De Santis) quale danno è stato arrecato al calcio? Domanda legittima come la difesa debole sulle schede svizzere intestate a lui. Un documentario che poteva far di più, invece di limitarsi a raccontare cose che tutti già sanno. Non, meglio ribadirlo, per ricostruire la storia e immolare Moggi a santo, ma per fornire una volta per tutte il quadro completo di tutto ciò che è accaduto. Resta almeno lo sfogo umano dell’ex amministratore delegato della Juventus, che ci ricorda ancora una volta come anche dalla parte sbagliata della storia, in fin dei conti, ci siano soltanto uomini come noi. Magari anche con lo stesso identico umore e con la divisa di un altro colore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *