in

Juventus, il c.t. USA torna sul caso McKennie

Il tecnico USA, Berhalter, è tornato a parlare sull’episodio dell’esclusione di Weston McKennie

Weston McKennie, giocatore della Juventus
Weston McKennie, giocatore della Juventus

Il commissario tecnico USA, Gregg Berhalter è ritornato sull’episodio, accaduto poco più di un mese fa, durante la prima pasa Nazionali della stagione, che ha visto coinvolto Weston McKennie. A settembre infatti, il centrocampista americano della Juventus era stato escluso dalla lista candidati per la partita tra Usa-Canada. A causare quell’esclusione era stata l’indolenza e l’ingenuità dell’americano che lo hanno portato a violare le norme anti-Covid. Berhalter aveva dichiarato, in quell’occasione, di aver parlato di persona con McKennie che, dal canto suo, si era scusato con tutti i compagni di squadra. Non vi era stata però alcuna dichiarazione pubblica da parte del centrocampista che si era limitato a un post sui social: “Purtroppo sono stato escluso dalla sfida. Chiedo scusa per il mio comportamento, spero di tornare presto in gruppo”.

Le parole di Berhalter

Weston Mckennie, centrocampista della Juventus

Proprio sulle mancate scuse pubbliche da parte del centrocampista della Juventus, Berhalter ci ha tenuto ad effettuare alcune puntualizzazioni, dando il proprio punto di vista sull’episodio: “Non credo che il nostro compito sia quello di dire tutto ai media. Abbiamo solo reso pubblico un accaduto e le conseguenze. McKennie si è preso le sue responsabilità, ma vogliamo andare oltre, a noi interessa solo il suo impegno. Il fatto che non abbia voluto parlare con i media al riguardo è soltanto una sua decisione personale che condivido molto. Questo è tutto. Lo vedo molto concentrato a giocare e si è visto nella vittoria contro la Giamaica, n cui ha solo pensato ad aiutare la sua squadra. Sta lavorando bene e non potrei chiedere di più”, queste le parole del ct.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *