in

Juventus-Ferencvaros, Capello: “Partita mediocre, Arthur ha poca visione”

Juventus, sprazzi di vero Arthur: Pirlo trova finalmente il suo top player
Arthur, centrocampista della Juventus @imagephotoagency

Nel postpartita di Juventus-Ferencvaros, Fabio Capello ha detto la sua sulla gara dei bianconeri, da lui giudicata “mediocre“. Dagli studi di Sky Sport, presso i quali l’ex allenatore è un ospite abituale, Capello non si è risparmiato nel criticare l’atteggiamento della squadra, ritenuto troppo “elementare, insufficiente per un team che compete ai massimi livelli. La Juventus di stasera ha rischiato poco, prediligendo le vie centrali, e quindi evitando di allargare gli spazi“. L’ex tecnico, da grande analista, si è soffermato anche sui problemi dei singoli facendo riferimenti diretti alla prestazione di Arthur.

Juventus, Capello lancia l'allarme: "Sono preoccupato"
Fabio Capello, commentatore Sky

Juventus-Ferencváros, Capello nel postpartita: “Arthur gioca corto e lento”

Nonostante la vittoria, valevole per l’accesso agli ottavi di Champions, il postpartita di Juventus-Ferencváros si è contraddistinto per le critiche rivolte alla squadra. Tra i principali indiziati, secondo Capello, vi è Arthur: “Il centrocampista ha ottime qualità, ma la sua visione del gioco non è ampia. Preferisce giocare corto e lento, optando sempre per il passaggio centrale“. L’ex tecnico e analista ha evidenziato come la Juventus sia andata sul fondo raramente, una soluzione da prediligere maggiormente, vista l’efficacia dei movimenti sulle fasce laterali – vedasi il gol di Morata. Quella di Capello, dunque, è una bocciatura senza mezzi termini.

L’ex tecnico friulano è abituato a lasciarsi andare a critiche dure, figlie dell’esperienza e della grande capacità analitica. Il suo auspicio è quello di vedere una Juventus brillante, disposta a percorrere le vie laterali per aprire il gioco. Per farlo, però, avrà bisogno del miglior Arthur, un giocatore dalle indubbie qualità tecniche ma migliorabile sul piano dell’allargamento degli spazi – questione essenziale per aprire le maglie dell’assetto tattico degli avversari.