in

Juventus, è crisi? Il dato negativo sui marcatori

Pirlo si trova a dover risolvere un problema dopo l’altro, dallo scarso dominio del gioco alla sterilità offensiva della squadra

Mercato Juve, doppio scambio in programma: coinvolti Dybala e CR7
Alvaro Morata e Cristiano Ronaldo, attaccanti della Juventus (@imagephotoagency)

Benevento-Juventus può essere stata l’anticamera della crisi. Il pareggio in casa degli stregoni ha sancito una evidente difficoltà, da parte dei bianconeri, nell’andare in rete, nel chiudere le partite e nell’esercitare il dominio in mezzo al campo. L’1-1 maturato al Vigorito è un risultato più che giusto, che fotografa una situazione tutt’altro che positiva, e il mantenimento del quinto posto, a sei lunghezze dal Milan, è solo una questione di fortuna, visti i risultati negativi delle dirette pretendenti – Lazio sconfitta in casa dall’Udinese e Atalanta caduta a Bergamo contro l’Hellas. Innegabile che Pirlo sia sotto accusa, ma è altrettanto vero che le colpe delle disfatte recenti vadano anche imputate ai giocatori, specie dal punto di vista della sterilità in fase offensiva.

LEGGI ANCHE:  Mercato Juve, asse Torino-Roma rovente: pronto lo scambio
LEGGI ANCHE:  Benevento-Juventus 1-1, Vaciago: "Dybala va messo da parte, è impresentabile"
Juventus, Zaccheroni: "Presto per vedere la vera squadra di Pirlo"
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus

Juventus, un dato che preoccupa: solo 5 giocatori a segno in campionato

Da sempre la Juventus – salvo alcune eccezioni, come l’exploit dell’Atalanta nelle due stagioni passate – ha abituato i propri tifosi a primeggiare nel dato delle reti segnate, nonché in quelle subite. Tuttavia, la stagione in corso ha fatto segnare un’inversione di tendenza. Dei vari giocatori a disposizione di Pirlo, solo in 5 sono andati in rete da settembre alla fine di novembre: Ronaldo, Morata, Kulusevski, Bonucci e Rabiot, per un totale di 18 reti. Il numero complessivo delle marcature non preoccupa più di tanto, poiché quello dei bianconeri è comunque il quinto attacco della Serie A, ma il dato fa discutere per l’impiego di numerose pedine da parte del tecnico bresciano.

LEGGI ANCHE:  Juventus, così Pirlo si gioca la Juve: sostituzioni errate e sottovalutazione avversari
LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, buone notizia per Paratici: Isco si avvicina?

Sino ad oggi, infatti, Pirlo ci ha abituato a formazioni sempre differenti, facendo ruotare i giocatori e garantendo loro un ampio turnover. Tuttavia, ciò non è coinciso con un aumento delle marcature: nel tabellino ritroviamo sempre i soliti uomini, il che rappresenta uno dei tanti problemi che il mister, insieme ai suoi collaboratori, sarà costretto a risolvere per invertire la tendenza negativa. Ed evitare, per quanto possibile, l’apertura di una frattura più profonda con la società.