in

Juventus-Dinamo Kiev, l’exploit di Chiesa: ipotesi tridente per il futuro

Il talento della Nazionale, schierato come centrocampista di fascia, si è dimostrato particolarmente efficace anche nel tridente, aprendo le porte a un possibile cambio tattico

Juventus, Lippi: "Pirlo è fortunato ma al contempo sfortunato"
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus (@imagephotoagency)

Pur essendo pressoché ininfluente dal punto di vista del risultato, ad eccezione della possibile conquista del primo posto nel girone, Juventus-Dinamo Kiev si è rivelata una partita fondamentale sul piano tattico. I protagonisti della serata, ancora una volta, sono stati Morata e Ronaldo, il primo autore di movimenti offensivi fondamentali e il secondo, immancabile, fattosi trovare pronto all’appuntamento con il gol – numero 750: così, in scioltezza. Tuttavia, nella notte di Torino sono emerse altre certezze.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, Allegri all'Arsenal: tre bianconeri lo seguono

Il duo Morata-Ronaldo, efficace come sempre, è stato affiancato da Federico Chiesa, schierato inizialmente come centrocampista laterale. Ma gli schieramenti di Andrea Pirlo, lo abbiamo visto fin dalle prime uscite, ci hanno abituato a rotazioni, cambi di posizione, modifiche del modulo preparato al fischio d’inizio. È accaduto anche nella serata di mercoledì, quando il talento ex Fiorentina, partito lateralmente – e comunque “distante” da tandem d’attacco – si è lentamente avvicinato alle due punte, trasformando il 4-4-2 in un 4-3-3 classico.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, sfida al Milan sul mercato: Paratici vola in Francia
Federico Chiesa, centrocampista della Juventus

Juventus-Dinamo Kiev, novità di formazione: l’efficacia di Chiesa in fase offensiva

Sino ad oggi, Chiesa si è dimostrato un centrocampista dall’indubbia prestanza fisica, condita da una tecnica di buon livello. Le sue prestazioni, però, sono state altalenanti, come dimostrato da un discreto inizio di campionato – due assist in quattro partite di Serie A – e da una crescita che, seppur lieve, è apparsa costante. Contro il Benevento, ad esempio, Chiesa si è reso protagonista di un bell’assist per il gol di Morata. In Juventus-Dinamo Kiev, invece, a testimonianza del suo buon momento, è arrivata anche la prima rete in bianconero, nonché un ulteriore assist per la rete del 3-0, a conferma del suo ottimo momento di forma e della sua efficacia in fase offensiva.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, affare con l'Inter: Paratici pronto a chiudere

Un rendimento costante del giocatore potrebbe determinare anche cambi gerarchici impensabili. Pirlo potrebbe decidere di schierarlo come uomo in più nel tridente d’attacco, il che significa scalzare Paulo Dybala. L’argentino attraverso un momento tutt’altro che positivo, ma avrà modo di rifarsi in campionato, vista l’assenza obbligata dello squalificato Morata. Ma le ipotesi di un cambio gerarchico restano: Pirlo, da ieri sera, ha un’arma offensiva in più.