in

Juventus, Crosetti duro: “Sarri da cancellare, la nuova Juve di Pirlo…”

Juventus, Sacchi: "Sarri sulla panchina della Juve? Un suicidio"
Maurizio Sarri, ex allenatore della Juventus

Maurizio Crosetti, firma del quotidiano Repubblica, ha parlato ai microfoni di Radio Bianconera commentando il momento della Juventus: “Vedo dei progressi dal punto di vista dell’ordine e delle idee in campo per la Juventus. I dettami di Pirlo sembrano essere stati acquisiti in maniera più profonda dai giocatori rispetto alle prime uscite della squadra”. il giornalista si è espresso anche in maniera positiva su un giocatore che si trova nel suo miglior momento di forma da quando veste la maglia bianconera. Non manca l’imbeccata sulla Juve di Sarri.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato, Real Madrid molla un obiettivo: gioca nella Juventus
LEGGI ANCHE:  Calciomercato, ecco quanto vale Locatelli per la Juventus
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus (@imagephotoagency)

Juventus, Crosetti: “Da mezzo giocatore fuori dalle gerarchie a perno importante”

Il giornalista Crosetti ha rivolto le sue parole su un giocatore della Juventus che lo ha stupito in maniera positiva. Il giocatore bianconero ha mostrato un sensibile cambio di rotta rispetto alle prestazioni deludenti dello scorso anno. Crosetti si è espresso così: “Si stanno vedendo ruoli più definiti e dei movimenti di gioco migliori, su tutti mi ha stupito Adrien Rabiot che da giocatore spaesato si è trasformato in una pedina fondamentale per lo scacchiere di Pirlo che al contrario di Sarri è stato in grado di fargli ritrovare le giuste motivazioni facendolo diventare importante in questa Juventus. Il confronto tra Pirlo e Sarri continua.

LEGGI ANCHE:  Juventus, de Ligt: "Lavoriamo per diventare i nuovi Chiellini e Bonucci"
LEGGI ANCHE:  Juventus-Ferencvaros, le parole di Szczesny: "Giochiamo un calcio Europeo"

Crosetti fa un paragone tra la Juventus dello scorso anno in mano a Maurizio Sarri e quella di questo inizio di stagione presa in consegna dal nuovo tecnico Andrea Pirlo: “Mi sembra che dalla confusione iniziale della Juventus si sia passati ad una squadra più ordinata. Pirlo mostra un modo diverso di rapportarsi rispetto ad un modo più introverso mostrato da Sarri lo scorso anno. L’allenatore bresciano, essendo un ex giocatore, conosce bene le dinamiche del campo. Morata non era in questa condizione da anni e con lui è rinato”.