in

Juventus, chi è Sucic: il gioiello del Salisburgo che piace a Paratici

Juventus, chi è Sucic: il gioiello del Salisburgo che piace a Paratici
Luka Sucic, centrocampista del Salisburgo

Brilla sempre più intensamente l’immenso talento di Luka Sucic. La luce emanata dalle giocate del giovanissimo classe 2002 avrebbe abbagliato numerosi top club europei, compresa la Juventus. La società bianconera potrebbe infatti decidere di puntare fortemente sull’estero del gioiello croato, per il quale si sarebbe aperta una battaglia senza esclusione di colpi con il Milan. Ma questo baby fenomeno varrebbe realmente una sfida a suon di milioni? La risposta è da ricercare nell’ultima stagione vissute dal prezioso elemento coccolato dal Salisburgo, squadra austriaca proprietaria del cartellino. Dopo aver militato nell’Under 19 della compagine d’oltralpe, il diciottenne croato potrebbe tentare il salto in prima squadra. Ed i numeri con la primavera sono tutti dalla sua parte.

Juventus, chi è Sucic: il gioiello del Salisburgo che piace a Paratici
Luka Sucic, centrocampista del Salisburgo

Juventus, Sucic brilla: è il nuovo Milinkovis-Savic?

Per gli appassionati di calcio giovanile infatti, il nome di Sucic non può essere nuovo. Il croata è infatti stato uno dei migliori giocatori dell’ultima Youth League, la massima competizione europea riservata alle formazioni giovanili. In sole 8 presenze nel torneo, il classe 2002 ha messo a segno 5 reti ed 1 assist, frutto delle sue immense doti offensive. Nato come trequartista, il giovane talento del Salisburgo è utilizzabile anche come mezzala di incursione e nel ruolo di secondo punta. Come riportato da WorldFootballScouting, in queste zone del campo può far valere la sua grande tecnica. È infatti molto abile nella visione di gioco, negli inserimenti senza palla e nelle progressioni con la sfera tra i piedi.

Insomma, un treno in corsa che può trasformarsi in una lucida mente in grado di mettere ordine al gioco della squadra. Il suo dinamismo, la sue capacità da colpitore di testa e le sue notevoli doti balistiche sono valse al diciottenne croato l’appellativo di nuovo Milinkovic-Savic, anche se fisicamente potrebbe ancora migliorare, magari irrobustendosi per giustappore ad un imponente fisico le incredibili doti nel dribbling e nei passaggi illuminanti. Il baby fenomeno dunque sembra avere tutte le carte in regola per ambire ad un grande club. Nel processo di crescita del ragazzo sarà presenta la Juventus? La palla passa a Paratici.