in

Cassano contro Marotta: “Alla Juventus ci è andato grazie a me, non sa nulla di calcio”

Dopo le dichiarazioni di Marotta sul suo conto, Cassano spara a mille sul ds, svelando anche dei retroscena legati alla Juventus

Antonio Cassano, ex attaccante della Nazionale

“Marotta alla Juventus solo grazie a me”

Antonio Cassano ha fatto nuove dichiarazioni alla Bobo TV, che ancora una volta fanno discutere parecchio. In questo caso è l’ex direttore sportivo della Juventus, ora in forza all’Inter, Giuseppe Marotta, ad essere finito nel mirino dell’ex calciatore. I due si sono conosciuti ai tempi in cui Cassano era un giocatore della Sampdoria e anche il ds lavorava per i blucerchiati, ma tra i due non pare scorrere buon sangue:

LEGGI ANCHE: Juventus, Ulivieri: “Tecnico ideale? Un mix tra Max e Mou”

Marotta lo conosco molto bene e, in aggiunta, posso dirvi che è merito mio se è riuscito ad approdare alla Juventus. A Genova, infatti, ha fatto solo disastri, ma è semplicemente riuscito a far dire ai giornalisti che è bravo. La verità è che in ambito calcistico è un incompetente e addirittura chiedeva a me chi fossero i giocatori che lo salutavano, perché lui non li conosceva. Lui è un politico del calcio, che non ha nulla a che vedere con il gioco“.

“Chiesi io di mandare via Marotta dalla Sampdoria”

Giuseppe Marotta, direttore sportivo dell’Inter

Per capire, però, il motivo per cui Cassano abbia scelto di sparare a mille sul direttore sportivo proprio ora, bisogna tornare a qualche giorno fa, al Festival dello Sport di Trento, quando era stato Marotta a parlare dell’ex giocatore. Il ds, infatti, lo aveva paragonato a Barella, spiegando che il giocatore dell’Inter è riuscito da fenomeno a diventare campione, mentre Cassano non era riuscito a conciliare l’aspetto tecnico con quello umano. L’ex attaccante, però, non è d’accordo per niente e svela anche i retroscena che hanno incrinato il rapporto tra i due:

LEGGI ANCHE: Juventus, Cannavaro: “Bonucci e Chiellini grande coppia”

“Devo rispondere se vengo toccato a livello umano, perché posso accettare qualsiasi critica, ma non si può dire che non abbia le qualità umane. Secondo me ha ancora qualche problema con me, per quando aveva cercato di vendermi alla Fiorentina, senza che Garrone ne fosse al corrente. Vi dico solo che, parlando col presidente, gli dissi di mandare via Marotta a fine stagione e proprio quell’anno se ne andò“.

“La Samp ha fatto bene grazie a me e non a lui”

Antonio Cassano
Antonio Cassano, ex giocatore di ruolo attaccante

Vero è, però, che la Sampdoria con Marotta e Cassano ha fatto molto bene, riuscendo anche a guadagnarsi da qualificazione per i preliminari di Champions League nel 2009/2010, proprio l’ultimo anno che il direttore sportivo è stato a Genova. L’ex giocatore, però, ha voluto ribadire che i meriti dei buoni risultati non erano del ds:

LEGGI ANCHE: Juventus, senti Bergomi: “In questo momento Allegri ha bisogno di certezze”

“Se abbiamo fatto bene alla Samp lo deve a me, perché io sono stato un fenomeno nel gioco del calcio, mentre lui è solo bravo a vendersi ai giornalisti. In ogni caso, se ha bisogno di parlarmi almeno lo faccia di persona”.

In ogni caso, ora la Juventus è andata avanti e a occuparsi dei movimenti di mercato c’è Cherubini, che in particolare sta già pensando ad organizzare i colpi che vuole mettere a fondo a gennaio e l’estate prossima. In particolare, il direttore sportivo vorrebbe riuscire a portare Luis Muriel a Torino, mettendo sul piatto un importante attaccante bianconero per riuscire a convincere l’Atalanta a provarsi del colombiano >>>CONTINUA A LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *