Juventus, il Real Madrid e la psicosi: è "solo" calcio di luglio?