in

Juventus, giorni decisivi per Pirlo: vietato sbagliare contro il Porto

Dire addio alla Coppa dalle grandi orecchie sarebbe funesti per il tecnico

Rodrigo Bentancur (Juventus)
Rodrigo Bentancur (Juventus)

Il 3-0 rifilato allo Spezia di Siciliano ha galvanizzato un po’ Andrea Pirlo e risollevato gli umori in casa Juventus. Anche se la partita si stava complicando non poco per Ronaldo e compagni che non sono riusciti a sbloccare il match fino all’ora di gioco quando, al 61esimo, ci hanno pensato Bernardeschi e Morata a spezzare l’equilibrio. 3 punti in cassaforte e testa alla prossima sfida e ai prossimi impegni che potrebbero rivelarsi decisivi per la stagione bianconera, e un possibile passo falso comprometterebbe ogni possibilità di successo in una delle due competizioni ancora vive o addirittura in entrambe. Si comincia sabato 6 marzo con la sfida all’Allianz Stadium contro la Lazio. Una partita subito decisiva e in cui la Juventus è chiamata ad una grande prova di maturità, contro una squadra in saluta e che mira alla parte alta della classifica.

Vietato sbagliare contro Simone Inzaghi, il distacco dai nerazzurri è consistente ma non impossibile da colmare, per questo motivo Pirlo è obbligato a vincere e tenere alta la concentrazione. Nemmeno il tempo di rifiatare e giorno 9 a Torino arriverà il Porto, gara valevole per il ritorno di Champions League. Il tecnico juventino non farà calcoli, dopo la sconfitta dell’andata specialmente. Vincere e convincere per scacciare ogni incubo e per ridare fiducia a tutto l’ambiente. Il passaggio del turno potrebbe dare quella spinta necessaria per proseguire in Europa e inseguire il sogno Champions e per acciuffare quella elefantesca coppa che manca sulla bacheca bianconera da davvero troppo tempo. Alla Juventus basterà un gol per eliminare i portoghesi, oppure vincere con due gol di scarto qualora il Porto riuscisse a trafiggere la retroguardia della Vecchia Signora.

Da non perdere

Il futuro di Pirlo è appeso ad un filo

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus

Una eventuale sconfitta contro il Porto, o anche un pareggio, stopperebbe il cammino europeo di Andrea Pirlo e probabilmente anche la sua esperienza alla guida della squadra torinese. Tutto passa anche dal recupero degli infortunati, da Bonucci e Chiellini a Dybala e Arthur, passando per De Ligt e Cuadrado. Il campione ex Ajax è rimasto fuori dall’ultima sfida di campionato, più per precauzione che per l’entità stessa dell’infortunio, che non dovrebbe essere grave, ma l’impressione è che Pirlo non lo rischierà nemmeno contro la Lazio.

Discorso simile anche per Bonucci e Cuadrado, due pedine fondamentale per il tecnico, che però sta valutando se schierarli già contro i biancocelesti oppure aspettare e averli al massimo della condizione per la sfida dell’anno contro il Porto. Dybala al lavoro per sperare almeno nella convocazione, ma le possibilità di vederlo in campo sono ridotte al lumicino, ma potrebbe farcela Arthur. Tante incognite, tanti infortuni e giocatori non al meglio, ma una sola certezza, vincere a tutti i costi. L’ipotesi sconfitta aprirebbe la strada per un possibile esonero del tecnico, che invece sarebbe quasi certo nel caso in cui anche la situazione in Serie A non porti risultati soddisfacenti a fine stagione. La squadra è unita intorno all’allenatore, come si è visto anche contro lo Spezia, quando molti giocatori sono corsi ad abbracciare il Campione del Mondo. Il futuro del tecnico è appeso ad un filo sottile, le prossime settimane saranno caldissime.