in

Juventus, Champions League: ecco perché bisogna arrivare primi

Juventus, esultanza dei bianconeri
Juventus, esultanza dei bianconeri

Mancano due giornate alla conclusione della fase a gironi di Champions League e la Juventus non può che essere preoccupata. Già, perché con un girone così abbordabile, lo scontro diretto contro il Barcellona era fondamentale e i bianconeri hanno perso 2-0. I blaugrana non hanno mai fallito contro Ferencvaros e Dinamo Kiev, stessa cosa per la Juventus, anche se contro gli ungheresi ha rischiato fino all’ultimo. Al ritorno dello scontro diretto servirà giocare una partita perfetta, perché in questo momento il secondo posto significherebbe incontrare una big già agli ottavi.

LEGGI ANCHE:  Juventus, Ronaldo fa 34 in Champions League: vicino un nuovo record
LEGGI ANCHE:  Juventus, Morata e Ronaldo insostituibili: sono i più decisivi d'Europa
Dinamo Kiev-Juventus, Paratici: "Vogliamo vincere. Ecco cosa mi aspetto"
Champions League, il trofeo

Juventus, Champions League: rischio Bayern Monaco

Il rischio più grande per la Juventus in chiave secondo posto è incontrare il Bayern Monaco, che ha superato anche l’ostico Atletico Madrid e che presumibilmente arriverà primo. Nel gruppo C il Manchester City è già qualificato e probabilmente nel ritorno contro il Porto ipotecherà il primo posto. Nel girone D il rischio è il Liverpool, anche se dovrà vedersela con una grande Atalanta. Nel gruppo H invece sarà testa a testa tra PSG e Manchester United, entrambe le squadre comunque molto toste.

LEGGI ANCHE:  Juventus-Ferencváros, Bentancur sotto tono: non è più intoccabile

Nei gironi rimanente, le prime posizioni sono decisamente abbordabili, con il Girone B dell’Inter che dovrebbe vedere il Borussia M’Gladbach in prima posizione. Per il Girone E se la giocano Siviglia e Chelsea, due avversarie che la Juventus comunque potrebbe battere. Attenzione al Girone F della Lazio, se i biancocelesti dovessero arrivare primi, ci sarebbero più possibilità di incontrare squadre molto forti, visto che le squadre della stessa nazione non possono ancora incrociarsi.