in

Champions League, Juventus-Dinamo Kiev: quando a deciderla furono i due Marcelo

Dinamo Kiev-Juventus, le formazioni ufficiali: ancora out Dybala
Champions League

Lasciata alle spalle l’opaca prova di Crotone, la Juventus di Andrea Pirlo ha già la testa rivolta all’impegno europeo. L’esordio nella Champions League 20/21 è in Ucraina a Kiev, contro la Dinamo. I precedenti nella massima competizione Uefa in Ucraina sono due e la Juve tramite il proprio sito ufficiale ha ricordato i match del passato.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato: Liverpool pronto alla super offerta alla Juventus
LEGGI ANCHE:  Calciomercato Juventus, rivoluzione per Pirlo: tripla cessione in arrivo
Juventus, è countdown Champions League: dove seguire i match
Champions League 2020/21

I due precedenti in Champions League tra Juventus e Dinamo Kiev

Il primo precedente risale alla stagione 1997/98 e la gara ha un peso specifico elevatissimo, trattandosi della semifinale di Champions League. All’andata la Juventus è fermata sull’1-1 a Torino, con Filippo Inzaghi in gol per la Vecchia Signora. Al ritorno i bianconeri mettono in piedi la partita perfetta e dilagano 4-1 sulla Dinamo Kiev. Protagonista assoluto ancora Superpippo autore di una fantastica tripletta. Memorabili anche le prestazioni di Zidane e Del Piero, sua la firma del quarto gol juventino. Di importanza sicuramente inferiore furono le gare della stagione 2002/2003, quando la Juve di Marcello Lippi la affrontò nel girone eliminatorio. Particolarmente interessante la gara di ritorno, valida per l’ultima giornata, decisa dalla coppia “sudamericarnival“.

LEGGI ANCHE:  Juventus, Dybala scalpita: cosa filtra per la Champions
LEGGI ANCHE:  Juventus, De Laurentiis punge: "Peccato non aver affrontato la Juve"

Questo il soprannome dato alla coppia offensiva della Juventus di quel tempo, i due “Marcelo”: Salas e Zalayeta. La partita si mise in salita dopo il gol segnato al 50′ da Shatskikh per la Dinamo, ma la Juventus rimonta e dopo appena tre minuti trova il pareggio con Salas. Il gol della vittoria è firmato da Zalayeta che permette alla Juve di trionfare nonostante l’ampio turnover. Da segnalare infatti anche l’esordio di due giovani della Primavera, Matteo Paro e Mattia Cassani.