in

Champions League Juventus, Diego Longo: “Dinamo? Servirà un miracolo”

Diego Longo, vice allenatore della Dinamo Kiev
Diego Longo, vice allenatore della Dinamo Kiev

Siamo alla vigilia della sfida della Juventus contro la Dinamo Kiev e l’attesa sale ogni minuto che passa. Primo incontro del girone G della Champions League 2020/21, che vede l’esordio della formazione di Andrea Pirlo contro la squadra ucraina allenata da Lucescu. Sul match contro i bianconeri è intervenuto ai microfoni di Tuttojuve.com l’allenatore in seconda della Dinamo, Diego Longo. Il vice di Mircea Lucescu ha dichiarato: “Siamo tranquilli, contenti e con tanto orgoglio di giocare una partita così importante. Era da diversi anni che questo club non riusciva a qualificarsi nei gironi di Champions, penso dunque sia una soddisfazione poterci confrontare con club blasonati e storici come Juventus, Barcellona e Ferencvaros. Per la Dinamo è il primo passo per ritornare ai fasti di un tempo” .

Champions League
Champions League

Champions League Juventus, Diego Longo parla in vista del match

Intervistato dai colleghi di Tuttojuve.com, Diego Longo parla a tutto tondo della sfida di domani contro la Juventus. “Sicuramente bisogna fare attenzione alla qualità straordinaria della Juventus – ha proseguito Longo – basta pensare che c’è un centrale dall’esperienza ultra decennale in Europa che sembra un centrocampista“, facendo un chiaro riferimento a Bonucci. Poi continua dicendo: “Se questa è la difesa, figuriamoci il resto. Sono presenti dei campioni che possono decidere sempre la partita, ma forse in questo momento non c’è l’equilibrio desiderato e Pirlo sta studiando questo aspetto proprio per migliorarlo. E’ indiscutibile che siamo su due piani diversi, forse se noi giochiamo al 200% e loro al 50% ci incontriamo”.

Sul livello tattico della partita di domani sera dichiara: “Bisognerà prepararsi bene, soprattutto grazie al mister e alle capacità che ognuno di noi può mettere in campo. A livello fisico dovremo essere alla loro altezza, dovremo essere concentrati fino all’ultimo minuto e per fare un buon risultato ci sarà bisogno di perfezione. La Juve è la Juve, senza giri di parole ci vorrà un miracolo. Ma la volontà per raggiungerlo non mancherà”.