in

Juventus, calciomercato in attacco: Morata può restare?

Juventus, out Dybala? Scatta l'ora di Morata
Alvaro Morata, attaccante della Juventus (@imagephotoagency)

E’ una Juventus che attende il Crotone, forte del risultato negativo rimediato dalla Roma, ieri sera, sul campo del Benevento, consapevole che una vittoria potrebbe rilanciare le ambizioni della squadra in campionato. Ripensando ai dolori europei dopo la sfida di Oporto o alle ultime recenti ed opache prestazioni, ecco che il monday night dai colori bianconeri può davvero rappresentare gara fondamentale ed importante per la squadra allenata da mister Pirlo. Le sfumature, poi, oltre le solite questioni di campo, si avvicinano anche al calciomercato, con l’attacco della Juventus che resterebbe in via di revisione.

Morata, il dubbio di Paratici

Ranking UEFA, Juventus nella Top 5: scavalcato l'Atletico Madrid
Alvaro Morata, attaccante della Juventus

Il nome caldo è sempre lo stesso, Alvaro Morata ed un futuro da decidere, decifrare, discutere ed, eventualmente, confermare. Lo spagnolo, in prestito alla Vecchia Signora dall’Atletico Madrid, sembra essersi spento precocemente in questa strana ma pur sempre ambizione stagione italiana; e la Juve starebbe cercando di capire se l’ex Real possa essere il vero protagonista in attacco al fianco di Cristiano Ronaldo anche per le prossime stagioni.

Oltre l’amore di popolo, quello che ha acclamato a gran voce il ritorno del giocatore alla Continassa, ecco che le alte sfere dirigenziali bianconere starebbero pensando proprio al futuro dello spagnolo e, chiaramente, a quello dell’attacco bianconero. Nonostante i nomi entusiasmanti (Haaland su tutti) ecco che il destino di Morata resterebbe al centro dei pensieri di Paratici e company e, secondo quanto raccontato oggi da calciomercato.com, il giocatore potrebbe prolungare la sua permanenza a Torino, ma sempre in prestito. Si, per un altro anno in bianconero; chance sbiadita offerta dalla Vecchia Signora per continuare a valutare le qualità del giocatore, in una stagione fin qui condotta certamente al 50% delle proprie potenzalità. Una prima fase di grandi speranze seguita poi da una stagione opaca e mai incisiva. Morata può restare, insomma, ma con riserva.