in

Calciomercato Juventus, piano Pogba: servono tre cessioni

Occorrono tre cessioni (Ramsey, Rabiot e McKennie) per fare spazio nel monte ingaggi e provare a riportare all’ombra della Mole Paul Pogba

Paul Pogba, centrocampista del Manchester United

L’ultimo mercato estivo è stato privo di colpi da Juventus. La società bianconera, per ovviare alle perdite economiche causate dalla pandemia, ha cercato di contenere i danni e di rendere meno rosso il bilancio. Il prossimo anno, però, tutti si aspettano almeno un grosso investimento. Non si sa se in attacco o a centrocampo, ma una cosa è certa: almeno un tentativo per riportare a Torino Paul Pogba verrà effettuato.

Pogback

Negli ultimi giorni, molti sono gli articoli sfornati dalle tre grandi testate sportive italiane possibile ritorno del centrocampista francese alla Juventus. Paul Pogba è stato protagonista in queste due partite di Nations League. Il polpo ha postato una storia su Instagram in cui ha sottolineato la sua felicità nel ritornare nella cittadina piemontese, che lo ha accolto nell’ormai lontano 2012 all’età di 19 anni fino al 2016, quando si è poi trasferito dalla Juventus al Manchester United. I ricordi che lo legano alla maglia bianconera sono ancora molto vivi nella testa del francese che, a livello individuale, ha espresso il suo miglior calcio nelle 4 stagioni a Torino. Il contratto del centrocampista francese scade a giugno 2022 e i Red Devils sono lontani dal cercare un accordo. Pogba potrebbe arrivare a parametro zero ma l’alto ingaggio, attualmente guadagna 16 milioni di euro a stagione, costringerà la Juventus a dover effettuare alcune cessioni.

Le pedine da sacrificare

La Juventus potrebbe sostenere un investimento simile solo nel caso in cui partano giocatori dall’ingaggio importante come Adrien Rabiot e Aaron Ramsey.

Il francese e il gallese pesano circa 7 milioni di euro netti a stagione ognuno e di conseguenza il loro addio porterebbe la società bianconera a risparmiare 14 milioni di euro netti. Se poi ci dovesse essere anche la cessione di Weston McKennie (forte interesse del West Ham per il centrocampista americano), i bianconeri andrebbero a risparmiare altri 2,5 milioni a stagione, senza considerare il guadagno dal cartellino.

Solo in questo modo la Juventus potrebbe pensare concretamente di riprendersi Pogba. Fra l’altro la Vecchia Signora sarebbe agevolata dal Decreto Crescita, una disposizione attuata dal governo italiano che garantisce una tassazione più bassa sull’ingaggio a lordo dei giocatori/allenatori provenienti dai campionati esteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *