in

Calciomercato Juventus, Moggi spezza i sogni: “Donnarumma mi ha detto che non andrà alla Juve”

Moggi, con le sue dichiarazioni, ha allontanato l’idea che Donnarumma possa approdare alla Juventus

Juventus, Moggi: "Da Crotone a Kiev è cambiato poco. Contro il Napoli..."
Luciano Moggi, ex dirigente Juventus

“Juventus? Squadra figlia di Allegri”

Luciano Moggi, ex direttore sportivo della Juventus, tra le altre, ha parlato durante la trasmissione I Tirapietre. Tra gli argomenti toccati c’è quello della Serie A e, in particolare, dei match Juventus-Roma e Napoli-Torino, che andranno in scena la prossima giornata di campionato. Queste sono le sue sensazioni riguardo alle gare:

“Per il Napoli non sarà semplice, ma sono molto forti e Osimhen si porta via tre uomini. Il match possono vincerlo. Per quanto riguarda la Juventus, la squadra incarna alla perfezione il suo allenatore, Massimiliano Allegri. Mi aspetto una partita in cui la Juve giocherà sulle ripartenze”.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, sguardo sullo United: incontro tra Cherubini e l’agente del centrocampista

Durante il match tra Napoli e Torino, inoltre, dovrebbe rientrare Andrea Belotti, che è stato a lungo fermo per infortunio. Moggi ha spiegato l’importanza del giocatore in questa squadra:

“Il ritorno di Belotti è molto importante, ma è necessario che cambi il modo in cui gioca. Se si mette, infatti, a fare terzino, attaccante e centrocampista, poi quando deve segnare è stanco e sbaglia. Lui è un giocatore che porta palla in area e nel Torino di Juric può fare molto bene, comportandosi da attaccante vero”.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, Tchouameni: aumenta la concorrenza

Moggi è stato, però, dirigente sia al Torino che al Napoli e, durante l’intervista, ha parlato delle due esperienze:

“Quando ero arrivato al Torino l’ambiente era povero, tanto che per poter pagare gli stipendi eravamo costretti a vendere. Per quanto riguarda il Napoli, invece, ho vissuto tanti bei momenti, con una squadra che era vincente e il cui gioco era decisamente soddisfacente. L’aspetto più bello consisteva nel fatto che, quando si vince qualcosa, i festeggiamenti durano un anno, mentre a Torino il giorno dopo si lavora subito”.

Calciomercato Juventus: “Donnarumma non arriverà”

Gianluigi Donnarumma, portiere del Psg
Gianluigi Donnarumma, portiere del Psg

Moggi ha poi parlato di Mino Raiola, che conosce molto bene, e del suo percorso che lo ha portato a diventare uno dei principali procuratori di oggi:

Raiola è nato con me e ho intravisto la sua furbizia, tanto che ora è diventato uno dei migliori procuratori e ha un eccellente carattere. La Juventus imbattibile del 2005/2006 l’ho costruita con lui, tanto che l’ho addirittura mandato a prendere Emerson dalla Roma, anche se non era il suo procuratore. In quel periodo è nato Mino Raiola, con io suo fautore”.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, via Kulusevski per far spazio ad un big

Collegandosi a questo discorso, l’ex dirigente ha anche parlato del ruolo del procuratore in generale, partendo dalla sua esperienza:

“Io ho fatto l’osservatore per venti anni e per questo ho acquisito una grande conoscenza dei giocatori, Devo dire però che giravo molto e anche che ci vuole fortuna. La realtà è che i bravi giocatori non vengono scoperti dai procuratori, ma basta solo girare e scovarli”.

LEGGI ANCHE: Cassano contro Marotta: “Alla Juventus ci è andato grazie a me, non sa nulla di calcio”

Infine, Moggi ha lanciato una notizia amara per i tifosi della Juventus, che l’estate prossima sognavano di riuscire a portare a Torino Gianluigi Donnarumma, che non sta trovando molto spazio al PSG:

“In occasione del compleanno di Ibra ho voluto parlare con Gigio per capire cosa aveva intenzione di fare. Vi dico che non si trasferirà alla Juventus, perché ormai è improntato su altre cose”.

Intanto la Juventus sta anche pensando a come rinforzare il suo reparto di centrocampo. Il nome più caldo al momento è quello di Aurelien Tchouameni. Per riuscire ad acquistare il giocatore, però, il prezzo del suo cartellino non è l’unico ostacolo >>>CONTINUA A LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *